Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] The Deserted City


3 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4690 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 March 2021 - 06:22 PM

The Deserted City

Haishi

Immagine inserita

Anno: 1984
Durata: 105 min.
Genere: Drammatico

Regia: Nobuhiko Obayashi

Cast:
Satomi Kobayashi, Kisuke Yamashita, Toru Minegishi
Toshie Negishi, Wakaba Irie, Toshinori Omi


Immagine inserita



Presentazione e sottotitoli a cura di MarcoMx [contiene spoiler]

Nobuhiko Obayashi è universalmente associato al suo lungometraggio di debutto, Hausu, un surreale quanto geniale horror sui generis, che però per molti non è particolarmente indicativo del resto della produzione di Obayashi. The Deserted City (Haishi), del 1984, riflette meglio le preoccupazioni del regista, in quanto vede ancora una volta il protagonista intraprendere un viaggio della memoria verso una lontana giovinezza, dimenticata ma tuttavia presente come un fantasma anonimo che perseguita il narratore con rimpianti e recriminazioni a lungo trattenuti.

Basato su un romanzo di Takehiko Fukunaga, The Deserted City è un nostalgico racconto di formazione di influenza europea, in cui lo studente universitario Eguchi viaggia in una piccola località giapponese famosa per i suoi canali. Sebbene non sia sofisticata come Venezia, la città condivide con la celebre città veneta una certa atmosfera rarefatta e decadente. Eguchi è venuto in città da Tokyo su invito di suo zio e con l'intenzione di passarvi l'estate per finire la sua tesi di laurea che tratta l'opera di Edgar Allan Poe. Tuttavia, Eguchi trova da subito la città piuttosto strana, anche se decisamente affascinante, con i suoi ritmi all'antica e un paesaggio sonoro quasi silenzioso in cui si sente solo lo sciabordio dei numerosi fiumi del villaggio. Alloggiando in una pensione gestita dalla diciannovenne Yasuko e da sua nonna, Eguchi comincia a sentire dolci singhiozzi di un pianto durante la notte e salta alla conclusione che devono appartenere alla sorella maggiore sposata di Yasuko, Ikuyo, che non ha ancora incontrato. Anche il fratello minore Saburo si nasconde silenziosamente sullo sfondo, mentre il cognato Naoyuki appare di rado. Eguchi aveva apparentemente quasi dimenticato quest'unica estate della sua giovinezza, ma se ne ricorda dopo aver letto sul giornale che la città era stata distrutta da un incendio. I suoi ricordi sono colorati dalla tragedia avvenuta verso la fine del suo soggiorno e che la sua anima giovanile non era in grado di comprendere appieno.

The Deserted City, secondo e ultimo film girati per l'Art Theatre Guild, rivisita molti dei temi che definiranno la carriera di Obayashi, dalla nostalgia della gioventù e il potere della memoria a un tono vagamente soprannaturale che prefigura l'evento traumatico finale che continuerà a perseguitare il protagonista, anche se inconsciamente, per il resto della sua vita. Fukunaga stesso è stato molto influenzato dalla letteratura europea e The Deserted City ha un'atmosfera decisamente occidentale, con la sua città sul canale in preda alla morte e la sua famiglia un tempo grande e ora in declino. La tesi di Eguchi è sull'opera di Edgar Allan Poe, la quale si specchia con forza nella storia della sua stessa vita con il pianto misterioso e la sorella nascosta, per non parlare dei segreti di famiglia e le frequenti allusioni allo stato pietoso della città moribonda. Eguchi descrive Yasuko come "allegra", eppure è lei stessa a dire di odiare la città e di non sopportare il suono costante delle acque che per lei simboleggia il lamento di morte della sua città, un suono pigro senza energia o scopo. Vede tutti gli altri giovani che se ne vanno e solo gli anziani che rimangono a decadere insieme alla città, ma quando Eguchi le chiede perché non se ne va anche lei, risponde che non può, è legata a questo posto nella vita e nella morte. Allo stesso modo, quando fa visita alla tomba di sua madre in un tempio vicino, osserva che in questo luogo di quiete, non riesce più a discernere la differenza tra i vivi e i morti. Infine, dopo tutte le tragedie che l'hanno colpita, Yasuko dichiara di non essere "niente di niente" e nel salutare Eguchi mentre se ne va, lo corregge quando lui le promette una visita futura: lei sa che non lo vedrà mai più, lui tornerà nel mondo dei vivi. Dimenticherà tutto questo, come se fosse accaduto in un sogno.

Come molte di queste storie, The Deserted City è piena della malinconia distaccata dell'uomo più anziano che guarda indietro alla giovinezza. Eguchi dice che questo incidente gli ha insegnato ad aspettarsi la tragedia fin dall'inizio, sebbene abbia anche affermato di aver dimenticato tutto della città e delle sue tristi storie di desiderio e incomprensioni, romantiche e non. Obayashi opta qui per una nostalgica inquadratura in 4:3 e una palette di colori moderatamente caldi che riecheggia sia l'atmosfera leggermente idealizzata dell'idilliaco villaggio sull'acqua sia la sua natura di luogo che esiste solo nella memoria, sfumata in toni di nostalgia ma anche di rimpianto. Molto più convenzionale di altri lavori di Obayashi, The Deserted City è una perfetta miscela di romanticismo europeo, melodramma e lievi sfumature gotiche che si presenta come una perfetta sintesi delle sue tematiche fino a questo punto.


Immagine inserita


SOTTOTITOLI
(versione: bluray)


Speciale Nobuhiko Obayashi



Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 17 March 2021 - 07:33 PM


#2 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4690 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 March 2021 - 06:50 PM

Riprende la retrospettiva Obayashi con il quinto titolo di questo viaggio nel suo cinema proposto da MarcoMx !

Un film che ho apprezzato molto, rapito dall'ambientazione, dall'atmosfera decadente e dal senso nostalgico di cui è pervaso. Sarebbe bello leggere il romanzo da cui è tratto, ma di Fukunaga si trova poco o niente (credo soltanto "La fine del mondo" pubblicato da Marsilio)

#3 Mr. Noodles

    Operatore luci

  • Membro
  • 348 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 18 March 2021 - 07:24 PM

questa è un'ottima riscoperta

#4 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4814 Messaggi:
  • Location:Valhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato Ieri, 11:01 PM

Grazie!

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes,
The Seen and Unseen, Killing, Dwelling in the Fuchun Mountains, The Woman Who Ran,


L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains, Brothers, Permanent Green Light, Ryuichi Sakamoto: Coda, Travel Songs, Reminiscences of a Journey to Lithuania, Retouch, Barn, Fauve, Fragment of an Empire, Ravens, The Trouble with Being Born, Without,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King, Jonas Mekas,





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi