Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Liz and the Blue Bird


20 risposte a questa discussione

#1 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4529 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 12 December 2018 - 10:23 PM

Immagine inserita


Titolo originale: "Liz to Aoi Tori" (リズと青い鳥)
Regia: Naoko Yamada (Kyoto Animation)
Paese: Giappone
Anno: 2018
Genere: Slice of Life
Durata: 90'
Lingua: Giapponese
Interpreti/Doppiatori: Atsumi Tanezaki (Mizore Yoroizuka), Nao Touyama (Nozomi Kasaki),
Takahiro Sakurai (Noboru Taki)

Immagine inserita Immagine inserita

Sinossi

Mizore e Nozomi sono due giovani studentesse che frequentano il terzo anno presso la scuola superiore Kitauji, Prefettura di Kyoto. Entrambe sono iscritte al Club di Musica del suddetto istituto
e vorrebbero proseguire la loro carriera didattica in futuro facendo domanda presso un conservatorio. Tuttavia qualcosa turba entrambe le ragazze che negli ultimi tempi faticano a trovare una intesa sia durante le prove della band musicale che nelle attività di svago.
Insomma, non riescono a relazionarsi serenamente poiché hanno difficoltà a esprimere in modo cristallino i propri sentimenti.
Avranno però modo di fare chiarezza attraverso l'amore per la musica che le unisce?

Immagine inserita


Commento di JulesJT

*CONTIENE SPOILER*

Chi conosce lo studio KyoAni (abbreviazione di Kyoto Animation) sa bene cosa aspettarsi: qualità e naturalezza. Ciò è evidente sia nella scrittura che regia in primis ma emerge anche una profonda attenzione per i rapporti interpersonali, non a caso si può affermare che sono specializzati nel realizzare Slice of Life, ossia "spezzoni di vita quotidiana", il quale è un genere che soprattutto negli ultimi 15 anni si è evoluto ed è diventato amatissimo sia dai fan che dalla critica del settore tanto quanto i più blasonati shōnen; rimanendo in casa KyoAni cito i vari Hyouka, K-On, Violet Evergarden e Hibike Euphonium. Ed è proprio da quest'ultimo che nascono le vicende affrontate in questo lungometraggio (a livello temporale è collocata dopo la fine della seconda stagione).
L'aspetto che più colpisce dello stile KyoAni che qui possiamo apprezzare è la cura certosina per i dettagli, siano essi capelli, alberi o disposizione dei banchi scolastici, non importa.
L'intero film è caratterizzato da un iperrealismo palpabile che si contrappone allo stile più sperimentale della storia parallela di "Liz e l'Uccello Blu", fiaba di origine tedesca che di fatto funge da metafora del rapporto tra Nozo - Liz - e Mizore, ossia l'uccello blu o sialia.
In questo caso l'animazione sfrutta una colorazione con acquerello molto vivace che riflette i sentimenti che entrambe le protagoniste condividono e metabolizzano nel corso dell'opera.
Davvero una scelta azzeccata da parte della Yamada. Elementi degni di nota sono anche i virtuosismi registici che emergono in particolar modo nelle sequenze non parlate, laddove primi piani, prospettive e riprese ai limiti della perfezione geometrica non fanno altro che impreziosire un gioiello artistico che raggiunge la sua completezza quando la splendida colonna sonora entra in gioco. Ogni voce, ogni melodia, ogni suono sono funzionali alla riuscita del film in questione e mai superflui.
Davvero un lungometraggio senza sbavature che raggiunge il climax nel commovente assolo di Yoroizuka verso le battute finali; il silenzio delle persone circostanti simboleggia lo stupore derivante da un'esecuzione impeccabile sia sotto il profilo tecnico che espressivo.
Ha reso ampiamente l'idea della maturazione, il coming-of-age. L'arte ha unito tutti in questo caso e ha ben rappresentato la separazione delle protagoniste che però si ricongiungono simbolicamente nella comprensione reciproca. (Dis)joint.

Immagine inserita


Traduzione e recensione: JulesJT

SOTTOTITOLI
(Versione: Blu-ray)






Ordina il Blu-ray su
Immagine inserita


Messaggio modificato da JulesJT il 13 December 2018 - 12:44 PM

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes,
The Seen and Unseen,Killing

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#2 ggrfortitudo

    Cameraman

  • Membro
  • 502 Messaggi:
  • Location:Ozieri (SS)
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 13 December 2018 - 12:00 AM

Grazie, JulesJT.
Preso subito i sub (leggerò la tua recensione dopo aver visto il film, grazie per avvisato degli spoiler).
Lo guarderò al più presto e, quasi quasi, spero non lo doppino mai.

:em09: :em09: :em09:

Messaggio modificato da ggrfortitudo il 23 May 2019 - 05:51 PM


#3 delid

    PortaCaffé

  • Membro
  • 18 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 13 December 2018 - 12:02 AM

super anteprima, prima dei fansub di animazione italiani e perfino di quelli inglesi da quanto so, hai tradotto direttamente dall'originale? comunque opera interessantissima e staff solido essendo regista e sceneggiatrice le stesse ragazze dietro a silent voice tra i lavori recenti

#4 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4529 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 13 December 2018 - 12:27 AM

Visualizza Messaggiodelid, il 13 December 2018 - 12:02 AM, ha scritto:

super anteprima, prima dei fansub di animazione italiani e perfino di quelli inglesi da quanto so, hai tradotto direttamente dall'originale?

No, la base inglese era già disponibile da qualche giorno. Per alcune espressioni e termini caratteristici mi sono fatto aiutare da un membro di AsianWorld che mastica decentemente il giapponese.

Visualizza Messaggiodelid, il 13 December 2018 - 12:02 AM, ha scritto:

comunque opera interessantissima e staff solido essendo regista e sceneggiatrice le stesse ragazze dietro a silent voice tra i lavori recenti

Per quanto mi riguarda è l'opera più matura di KyoAni. Insieme allo studio Shaft di Akiyuki Shinbō hanno toccato i vertici dell'animazione moderna sotto tutti i profili: registico, stilistico, grafico, tecnico e narrativo.

N.B.
Ne approfitto per comunicare a tutti di riscaricare il file dei sottotitoli poiché ho effettuato delle modifiche/correzioni nel frattempo. E ricordatevi di votare il film in scheda, grazie!
:em67:

Messaggio modificato da JulesJT il 13 December 2018 - 01:01 AM

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes,
The Seen and Unseen,Killing

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#5 delid

    PortaCaffé

  • Membro
  • 18 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 13 December 2018 - 01:26 AM

Visualizza MessaggioJulesJT, il 13 December 2018 - 12:27 AM, ha scritto:


Per quanto mi riguarda è l'opera più matura di KyoAni. Insieme allo studio Shaft di Akiyuki Shinbō hanno toccato i vertici dell'animazione moderna sotto tutti i profili: registico, stilistico, grafico, tecnico e narrativo.

concordo, veramente impressionanti i 3 film monogatari (e in generale tutta la serie che li anticipa) firmati da Akiyuki e Oishi e infatti attendo il seguito. questi titoli credo diventeranno i capisaldi dell'animazione moderna, voglio vedere anche Yuasa al suo massimo in un film e perchè no anche lo studio trigger magari con Promare nel 2019 (ottimo staff anche lì).
al più presto vedrò questo liz to aoi tori

#6 neodago

    Microfonista

  • Membro
  • 158 Messaggi:
  • Location:Udine
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 13 December 2018 - 08:57 AM

Grazie mille per questa proposta, scarico immediatamente!

#7 Rumik.Sclero

    Microfonista

  • Membro
  • 133 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 13 December 2018 - 10:19 AM

Grazie mille, un rilascio inaspettato e molto gradito ^_^

#8 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3563 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 16 December 2018 - 11:59 AM

Grazie o Divo per la proposta, film meraviglioso, un po' complicato forse per chi non ha seguito le due stagioni della serie TV Hibike Euphonium!, di cui è in effetti diretta continuazione.

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#9 davidemagliuolo

    PortaCaffé

  • Membro
  • 19 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 18 December 2018 - 02:33 PM

Bellissimi questi sottotitoli... Sarebbe bello leggerli tutti... Possibilmente abbinandoli al film... che non si trova da nessuna parte :em87:
David M





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi