Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * - 1 Voti

[RECE][SUB] Corn Island


2 risposte a questa discussione

#1 JulesWU

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4033 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 23 April 2015 - 11:19 AM

Immagine inserita


Titolo originale: "Simindis kundzuli"
Regia: George Ovashvili
Paese: Georgia, Germania, Francia, Rep. Ceca, Kazakistan, Ungheria
Anno: 2014
Genere: Drammatico
Durata: 100'
Lingua: Georgiano, Abcaso, Russo
Interpreti: Ilyas Salman, Mariam Buturishvili, Irakli Samushia


Immagine inserita Immagine inserita

Sinossi

Il fiume Inguri disegna un confine naturale che divide la Georgia dall'Abcasia.
Durante una delle piene primaverili, si viene a creare una piccola isola in mezzo al fiume, ideale per la coltivazione del mais secondo un vecchio contadino del posto.
Insieme alla nipote di 16 anni, il vecchio si dedica alla terra ma il legame che i due formano con la natura è disturbato dall'immancabile arrivo della polizia di frontiera.
[fonte: filmtv.it]


Immagine inserita


Corn Island è montato a partire da una struttura complessa di coproduzione tra Georgia, Germania, Francia, Repubblica Ceca, Kazakistan e Ungheria.
Questo film estremamente complicato da girare è stato per fortuna altrettanto gratificante per i membri della sua squadra creativa proveniente da 13 paesi diversi. Svelato a Karlovy Vary, Corn Island è emerso subito come fiore all’occhiello della competizione ufficiale.
I dialoghi sono radi, ma contrariamente Primavera, estate, autunno, inverno... e ancora primavera di Kim Ki Duk, con cui ha diversi punti in comune, la camera è quasi sempre in movimento e questo dinamismo rovescia completamente le attese contemplative generalmente associate a questo tipo di storia.
La fotografia di Elemér Ragalyi è mozzafiato e certe inquadrature, specialmente durante il diluvio, sono di un realismo impressionante.
Non siamo lontani dal documentario in condizioni estreme, e quando si apprende che la squadra del film ha creato l’isola dal nulla, si capisce ancora meglio la dimensione del lavoro straordinario di Ariunsaichan Dawaashu, il production designer che si è occupato di ricreare ogni stagione in un ambiente ostile persino per le riprese. Il realismo è eccezionale e non compromette in nessun modo l’estetica della poesia grafica e narrativa di Corn Island. Il film è girato in 35mm, il che contribuisce a magnificarne la bellezza.
Parabola realista sul ciclo della vita, Corn Island non chiude pertanto gli occhi sulla situazione politica di questa regione segnata da un conflitto etnico che brucia da oltre 20 anni.
La favola agricola è costantemente minacciata dagli spari lontani, gli scherzi barbari dei soldati sulla riva o le ronde militari in motoscafo
Tra lo choc tra generazioni incarnate da questo nonno e la sua giovane nipote ingenua, e quello tra gli eserciti opposti, non c’è una reale differenza: ognuno tace o parla il proprio linguaggio, e nessuno si capisce.
Mentre il regista non giudica i suoi personaggi e sembra non prendere posizione, la natura emette la sua sentenza quando decide arbitrariamente di azzerare il contatore, per tutti.
[fonte: cineuropa.org]


Immagine inserita


Traduzione: JulesJT


SOTTOTITOLI
(Versione: 720)
Allega file  Corn.Island.AsianWorld.zip   1.71K   94 Numero di downloads



Messaggio modificato da JulesJT il 15 November 2015 - 02:37 PM


#2 tartakirka

    Ciakkista

  • Membro
  • 68 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 April 2015 - 08:46 PM

ottima proposta! dello stesso regista ho visto The other bank, da vedere!
grazie!

#3 fabiojappo

    Produttore

  • Moderatore
  • 3965 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 June 2015 - 09:40 AM

Citazione

dinamismo rovescia completamente le attese contemplative generalmente associate a questo tipo di storia.

Vero, si concentra molto "sul fare" e non ci sono lunghe inquadrature fisse. Forse anche per questo, nonostante sia quasi privo di dialoghi, la visione non è così "dispendiosa" per lo spettatore. Un film interessante, coraggioso.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi