Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Hymn


5 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4407 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 June 2016 - 07:05 PM

Hymn (Sanka)


Immagine inserita


Anno: 1972

Durata: 112 min.


Soggetto: Jun'ichirō Tanizaki

Sceneggiatura e regia: Kaneto Shindo


Cast:
Tokuko Watanabe, Jiro Kawarazaki

Nobuko Otowa, Kaneto Shindo


Immagine inserita



L'anziana Teru, ospite di una casa di riposo, è stata domestica della maestra di shamisen, cieca, Shunkin Mozuya. Un giorno va a trovarla un uomo che vuole ricostruire la storia della musicista e quella del suo servitore e allievo Sasuke.


Tratto da un racconto del grande scrittore giapponese Jun'ichirō Tanizaki (in Italia uscito come “La storia di Shunkin” si può trovare nelle raccolte Bompiani "Opere" e "Il ponte dei sogni e altri racconti" e in una vecchia edizione Garzanti "Due amori crudeli") è la storia del rapporto tra l'eterea Shunkin, affascinante quanto dura e capricciosa, e il servo Sasuke, devoto in un modo così assoluto da arrivare al masochismo. Un 'amore' crudele e perverso che Shindo racconta partendo da uno spunto narrativo che dà al film, in parte, le caratteristiche del mockumentary (e lo stesso regista a interpretare l'uomo che va alla ricerca di notizie su Shunkin) e con uno stile che cerca di restituire nelle immagini la scrittura di Tanizaki, così distaccata da elevarsi sopra gli stessi fatti che racconta in modo quasi cronachistico. Da qui l'attenzione sui particolari e l'effetto quasi ipnotico della musica (del grande compositore, più volte collaboratore di Shindo, Hikaru Hayashi) e in particolare del suono dello shamisen 'protagonista' anche in un altro film del regista, realizzato qualche anno dopo e di cui sono già stati proposti i sottotitoli: The Life of Chikuzan


Immagine inserita



SOTTOTITOLI

(versione: 1,46)



Traduzione: Meiko Kaji




Speciale Kaneto Shindo




Ordina il DVD su
Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 16 June 2016 - 07:21 PM


#2 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4407 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 16 June 2016 - 09:08 AM

Ancora una volta grazie a Meiko Kaji che sta dando allo speciale dedicato a Kaneto Shindo dimensioni e importanza sempre maggiori. E per tutti gli appassionati, anticipiamo che non finisce qui. Arriveranno altre proposte del Maestro :em69:

Su questo lungometraggio aggiungo al breve commento-descrizione che si può leggere sopra una curiosità per chi ha visto un film noto come "Dolls". In una delle tre storie raccontate, quella della idol Haruna e del suo fan, Kitano fa chiaramente riferimento allo stesso racconto di Tanizaki che Shindo ha adattato in questo film da non perdere.

Messaggio modificato da fabiojappo il 16 June 2016 - 09:08 AM


#3 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4486 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 16 June 2016 - 07:11 PM

Grazie mille! ^^

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#4 Arms

    Microfonista

  • Membro
  • 203 Messaggi:
  • Location:Roma
  • Sesso:

Inviato 16 June 2016 - 10:39 PM

Grazie ancora per questa chicca! :) Appena lo vedro' ripassero' da queste parti :-D
Immagine inserita

#5 Meiko Kaji

    PortaCaffé

  • Membro
  • 38 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 17 June 2016 - 05:01 AM

Ringrazio fabiojappo per la bella presentazione, l'assistenza e la pazienza!
Purtroppo non ho il tempo di rimettere insieme i pezzi che avevo pensato per l'occasione, un anno è passato dal completamento dei sub, e all'epoca avevo anche visto Okoto and Sasuke (1935) di Yasujirô Shimazu, una prima (?) versione del racconto di Tanizaki, che ora non ricordo bene. Avevo fatto seguire Shunkinshô / A Portrait of Shunkin (1976), più un remake del film edulcorato del 1935 che non una nuova versione del racconto. Non ho potuto vedere una versione del 2008 (mi pare) per mancanza di sottotitoli, ma ho potuto intuire che questa nuova versione si basi sulla versione di Shindo, perlomeno nell'aspetto fisico di Shunkin molto simile a quello della brava Tokuko Watanabe, e all'ambientazione.
Il film di Shindo (che a me piace assai più del racconto ed è forse il film del maestro - tra i circa 25 a me noti - che preferisco, per un periodo non più breve di due mesi ne ho quotidianamente rivisto molte scene senza smettere di emozionarmi, anzi emozionandomi maggiormente ad ogni nuova visione) è originale per alcune variazioni del racconto, ad esempio il personaggio di Teru interpretato dalla Otowa viene promosso da personaggio sullo sfondo a interlocutrice dell'intervistatore Shindo (qui credo alla sua unica partecipazione come attore, a parte alcune scene di By Player), arricchendo il racconto della tipica alternanza tra serio e ironico che contraddistingue molte opere del maestro - si vedano le offerte di denaro a Teru dapprima rifiutate, o i repentini cambiamenti di idea della stessa Shunkin, seriosa nel dichiarare che insegnerebbe gratis a chi avesse vero talento solo per mascherare il suo spirito di donna di Osaka.
Il rapporto tra Sasuke e Shunkin, tipico esempio di sadomasochismo del grande scrittore, sembra diventare un semplice stratagemma per incamminarsi sulla via dell'interiorità e dell'incontro reciproco. La durezza di Shunkin pare l'unico modo per incontrare realmente il povero allievo bistrattato, e sì, Shunkin ha ragione quando, rimproverata per la durezza del suo insegnamento "per gioco" al mite servitore, nel racconto scritto risponde "Io sto insegnando sul serio: non è un divertimento." Tra tutti i servitori, la ricca fanciulla sceglie Sasuke, vuole solo lui, chiama solo lui, fa perfino tenerezza nel suo tentare di "toccarlo" tramite la durezza: sempre nel racconto, Tanizaki nota:

"Chissà se davvero lo aveva scelto perchè non chiacchierava e la lasciava in pace; oppure perchè in qualche modo il fervore di lui si era oscuramente comunicato al suo cuore di bambina, dandole forse un sentimento di gioia. È difficile supporlo per una bambina di soli dieci anni. Eppure, intelligente e precoce, con un sesto senso che in lei si era affinato con la perdita della vista, può essere stato anche così."

Una via "alternativa" verso l'aprirsi all'altro, si sente che in fondo con la durezza - alternata al dolore e al rimprovero se si sente trascurata dal servitore che mai considererebbe come possibile sposo -, Shunkin grida disperata la sua solitudine all'allievo, e questi è disposto ad imparare la strada verso la cella in cui è rinchiusa la cieca suonatrice di Shamisen per aprirla finalmente, anche a costo di essere duramente battuto. Non è davvero un gioco, non importa se gli altri non capiscono. L'occhio che si acceca per vedere finalmente ed annullare in un attimo la distanza tra mondo esterno ed interno, con vero spirito zen.
Grandissima musica del fedele Hikaru Hayashi, come già notato da fabiojappo, e splendide esecuzioni allo shamisen ed al koto (alla fine, a furia di ascoltarle, ho imparato ad amarle).

Immagine inserita


"Come puoi vedere, sono una nullità. Nient'altro che una vagabonda senza casa."


Immagine inserita


#6 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4407 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 18 June 2016 - 07:27 PM

Visualizza MessaggioMeiko Kaji, il 17 June 2016 - 05:01 AM, ha scritto:

Okoto and Sasuke (1935) di Yasujirô Shimazu, una prima (?) versione del racconto di Tanizaki

Questo non l'ho visto, cerco di recuperarlo presto.

Per il resto, grazie ancora per questi sottotitoli e anche per il bel commento che hai aggiunto. Parole che mettono in evidenza alcuni aspetti molto interessanti.

Messaggio modificato da fabiojappo il 18 June 2016 - 07:30 PM






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi