Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * - 2 Voti

[RECE] Whiplash


8 risposte a questa discussione

#1 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4193 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 13 January 2015 - 11:57 AM

Immagine inserita


Regia: Damien Chazelle
Paese: Stati Uniti
Anno: 2014
Genere: Drammatico
Durata: 107'
Lingua: Inglese
Interpreti: Miles Teller (Andrew), J.K. Simmons (Fletcher), Melissa Benoist (Nicole)

Immagine inserita Immagine inserita


Sinossi

Andrew, 19 anni, sogna di diventare il miglior batterista jazz della sua generazione. Al Conservatorio di Manhattan, dove si esercita senza sosta, la concorrenza è però feroce.
Andrew, poi, vorrebbe entrare nella big band di punta, quella diretta da Terence Fletcher, professore tanto inflessibile quanto intrattabile.
Quando infine riesce a raggiungere il suo scopo, sotto la guida di Fletcher, Andrew inizia la sua ascesa nella ristretta cerchia dell’eccellenza dei batteristi.
[fonte: trovacinema.repubblica.it]


Immagine inserita


Il regista rifa il suo omonimo cortometraggio e racconta il duello psicologico tra un aspirante batterista jazz e il suo professore.
Whiplash è un film netto nei suoi gesti visivi, non svapora mai l’ossessione che nutre il suo giovane protagonista in una dimensione soggettiva, si tiene anzi sempre fuori dal suo evidente delirio di possibile grandezza.
Il lasso nella testa del musicista tra armonia e disarmonia, tra pensiero coerente e pulsione ossessiva, è un refrain cinematografico, un insistere narrativo che intrattiene spesso una sua relazione pericolosa con la trasparenza dell’immagine,
ovvero con il rischio di dare forma visiva alle sonorità interiori (era Pirandello che, sul nascere, risolveva il dissidio del cinema sonoro configurandolo come possibile linguaggio visibile della musica…).
In questo senso, l’aspetto davvero interessante di Whiplash, l’opera seconda di Demian Chazelle (Gran Premio al Sundance 2014 e autentica ovazione alla Quinzaine), sta proprio nella capacità di questo ventinovenne regista di raccontare un’ossessione musicale puntando su una materialità del visibile e dell’udibile,
ovvero giocando con la concretezza della musica glissando su qualsiasi tentazione visionaria.
Whiplash è un film netto nei suoi gesti visivi, non svapora mai l’ossessione che nutre il suo giovane protagonista in una dimensione soggettiva, si tiene anzi sempre fuori dal suo evidente delirio di possibile grandezza.
Andrew è un corpo febbrile incapsulato in un tardo adolescente in cerca di una propria identità: coi suoi 19 anni nutre il mito di una perfezione che lo trasfiguri in un grande batterista jazz. Ed è proprio a questa trasfigurazione che il film punta.
Il suo rapporto con il grande jazzista Terence Fletcher, temutissimo professore della scuola musicale frequentata dal ragazzo, è tarato sull'apparizione, sulla rivelazione, vera e propria epifania di una lotta ed una maturazione che è tutta fisica.



Non è questione d’ispirazione, di svaporamenti creativi, di intuizioni geniali: l’ossessione è quella di tenere il tempo giusto, di battere al ritmo esatto, mantenendolo e ritrovandolo ogni volta che è necessario.
Andrew sogna la grandezza e Fletcher gli appare mentre sta provando in assoluta solitudine, catturandolo, chiamandolo a sé, mettendolo alla prova nella sua orchestra, ambitissima dagli studenti,
con una crudeltà psicologica che è pari alla ferocia fisica con cui Andrew martirizza se stesso, le sue mani sanguinanti.
Pur configurando il film come la cronaca di un delirio personalissimo, implicitamente fantasmatico, del protagonista, Chazelle (che del resto ha un passato da studente di musica e aspirante batterista), insiste proprio su questa traccia materiale, fisica, della parabola di Andrew.
A fronte delle sue dimenticanze, dei lapsus, delle rimozioni, Andrew sembra in realtà preso da una sfida che è tutta interiore, col proprio limite fisico, con la propria scansione identitaria…
Quanto più Andrew vorrebbe annullarsi fisicamente nella sua ricerca della perfezione, tanto più il suo obiettivo viene portato da Fletcher nella tensione oggettiva, fisica del loro duello psicologico.
Whiplash racconta dunque l’ossessione come un campo di battaglia, traccia ritmica del rapporto tra se stessi e il mondo che ci ascolta.
La dinamica della messa in scena è per questo fermamente materiale, Chazelle lavora sulla penombra degli ambienti, sulla contorsione bruna dei cromatismi, elaborando un montaggio che ovviamente esalta le possibilità cinematografiche del jazz, spingendosi in una musicalità che non cerca mai la dimensione dell’ascolto di sala, ma intrattiene un rapporto privilegiato con la fisicità dei gesti del musicista.
E poi c’è l’impronta granitica di J.K. Simmons nel ruolo del professore, che si oppone come un totem da abbattere alla testarda fragilità di Andrew, interpretato da Miles Teller: duetto musicale e duello fisico di presenza scenica.
[fonte: Massimo Causo per sentieriselvaggi.it]


Immagine inserita




Film ora disponibile in DVD/Blu-ray



Messaggio modificato da JulesJT il 15 November 2015 - 02:28 PM


#2 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4193 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 13 January 2015 - 12:17 PM

Devo dire che l'ho trovato un po' deludente... Immenso J.K. Simmons e splendida la OST ma... troppe scene mirate al puro intrattenimento che spingono a impressionare lo spettatore. Troppe americanate, insomma. E sinceramente mi sono un po' rotto di queste furbate registiche che "ci stanno" magari in un film mainstream, non in uno di produzione indipendente. Inoltre non avrei risaltato l'aspetto sentimentale (ossia le rinunce che devono fare i musicisti) ma soltanto la passione/ossessione per la musica (che comunque è stata ben rappresentata).
Rimane un buon prodotto, tuttavia mi sarei davvero limitato alla "pazzia musicale". Tutto lì. Giusto per differenziarlo dalla massa dei film da Sundance Film Festival.

#3 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4193 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 14 January 2015 - 12:02 AM

Nota di servizio:

Abbiamo corretto alcuni errori e, successivamente, ricaricato il file dei sottotitoli di "Whiplash".

#4 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4075 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 14 January 2015 - 09:00 PM

Visualizza MessaggioJulesJT, il 13 January 2015 - 12:17 PM, ha scritto:

Devo dire che l'ho trovato un po' deludente... Immenso J.K. Simmons e splendida la OST ma... troppe scene mirate al puro intrattenimento che spingono a impressionare lo spettatore. Troppe americanate, insomma. E sinceramente mi sono un po' rotto di queste furbate registiche che "ci stanno" magari in un film mainstream, non in uno di produzione indipendente. Inoltre non avrei risaltato l'aspetto sentimentale (ossia le rinunce che devono fare i musicisti) ma soltanto la passione/ossessione per la musica (che comunque è stata ben rappresentata).
Rimane un buon prodotto, tuttavia mi sarei davvero limitato alla "pazzia musicale". Tutto lì. Giusto per differenziarlo dalla massa dei film da Sundance Film Festival.

Ti quoto abbastanza. Il film non è male, la visione è gradevole, però non mi ha entusiasmato. Ed è vero, semina delle furbate che si potevano evitare, come pure il rapporto accennato con la ragazza. J.K. Simmons è molto bravo, ma è proprio un ruolo 'da premio'. In pratica è la fotocopia in ambiente diverso dell'istruttore di "Ufficiale e gentiluomo" interpretato da Louis Gossett Jr. che guarda caso vinse Golden Globe e Oscar come miglior attore non protagonista...

Grazie per la traduzione dei sottotitoli, "turpiloquiosa" :em89:

Messaggio modificato da fabiojappo il 14 January 2015 - 09:18 PM


#5 Dries

    Microfonista

  • Membro
  • 210 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 25 February 2015 - 07:29 PM

a me la versione 720p è fuori fase all'inverosimile :/

#6 Dries

    Microfonista

  • Membro
  • 210 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 27 February 2015 - 02:09 AM

Visualizza Messaggiofabiojappo, il 14 January 2015 - 09:00 PM, ha scritto:

Grazie per la traduzione dei sottotitoli, "turpiloquiosa" :em89:


ma quale turpiloquiosa ,jules è il solito chierichetto, c'erano un paio di bestemmie che non sono state messe, COLPEVOLMENTE :em16: :em16:


comunque il pelatone è un sociopatico del c***o pero' 'cè da dire che pure i suoi alunni sono delle mezze femminucce che frignano al primo insulto...fossi stato io li in mezzo sarebbe finita a destri sul grugno e porchid*** :em81: :em81: :em16: :em16:

Messaggio modificato da JulesJT il 28 February 2015 - 01:33 PM
Occhio al disclaimer. ;)


#7 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4193 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 28 February 2015 - 11:59 AM

Visualizza MessaggioDries, il 27 February 2015 - 02:09 AM, ha scritto:

ma quale turpiloquiosa ,jules è il solito chierichetto, c'erano un paio di bestemmie che non sono state messe, COLPEVOLMENTE

Capperi! Stavolta ero certo di aver soddisfatto la tua fame di parolacce infernali... invece...

Non so a quali bestemmi tu ti riferisca ma voglio ricordarti che - ad esempio - God damn it (goddammit e derivati...) non è un'imprecazione nei confronti di una qualsivoglia entità divina, bensì una frase utilizzata che nei momenti di frustrazione, rabbia, stress e balle varie. Letteralmente significa "Dio lo maledica" ma può essere tradotta anche come "C@zzo!", "Merda", "Porca tr**a", ecc... Fosse stato un film ambientato nella periferia milanese, allora avrei chiuso un occhio... :em89:

Messaggio modificato da JulesJT il 28 February 2015 - 12:00 PM


#8 cuorenucleare

    Ciakkista

  • Membro
  • 58 Messaggi:
  • Location:Napoli
  • Sesso:

Inviato 01 March 2015 - 12:12 PM

Grazie mille! :)

#9 Dries

    Microfonista

  • Membro
  • 210 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 March 2015 - 07:31 PM

Visualizza MessaggioJulesJT, il 28 February 2015 - 11:59 AM, ha scritto:

Capperi! Stavolta ero certo di aver soddisfatto la tua fame di parolacce infernali... invece...

Non so a quali bestemmi tu ti riferisca ma voglio ricordarti che - ad esempio - God damn it (goddammit e derivati...) non è un'imprecazione nei confronti di una qualsivoglia entità divina, bensì una frase utilizzata che nei momenti di frustrazione, rabbia, stress e balle varie. Letteralmente significa "Dio lo maledica" ma può essere tradotta anche come "C@zzo!", "Merda", "Porca tr**a", ecc... Fosse stato un film ambientato nella periferia milanese, allora avrei chiuso un occhio... :em89:

no no qua caccia un paio di fukkin jesus o fukkin god sono sicuro !! :D





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi