Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] The Time to Live and the Time to Die

Traduzione di François Truffaut, revisione di Dan

36 risposte a questa discussione

#37 François Truffaut

    Wonghiano

  • Amministratore
  • 12825 Messaggi:
  • Location:Oriental Hotel
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 19 November 2015 - 01:07 PM

Visualizza MessaggioRobocop XIII, il 19 November 2015 - 01:18 AM, ha scritto:

Farò un ultimo sforzo e mi guarderò A City of Sadness per concludere almeno la prima fase della retrospettiva su Taiwan. Non riesco a capire se non mi piace il cinema taiwanese oppure semplicemente Hou, dal momento che The Terrorizers visivamente mi aveva comunque colpito.

Credo più che altro che ci sia una scarsa affinità con il Nuovo Cinema (e in particolare con Hou, che ne è l'essenza) perché lo stesso Edward Yang, se escludiamo The Terrorizers (che è un film un po' particolare nella sua filmografia, molto influenzato dal cinema europeo, di cui Yang era onnivoro durante la sua permanenza all'estero), si muove negli stessi steccati fino agli anni Novanta, penso a Taipei Story, That Day, on the Beach o al suo capolavoro A Brighter Summer Day.
Però ti consiglio di vedere i film della seconda new wave per ricrederti sul cinema taiwanese in generale: quei film rileggono le istante del Nuovo Cinema in una nuova forma, meno respingente.

Cinema Taiwanese su AsianWorld.it



Immagine inserita

Naomi Kawase: il cinema, i film

Immagine inserita



Sottotitoli per AsianWorld: The Most Distant Course (di Lin Jing-jie, 2007) - The Time to Live and the Time to Die (di Hou Hsiao-hsien, 1985) - The Valiant Ones (di King Hu, 1975) - The Mourning Forest (di Naomi Kawase, 2007) - Loving You (di Johnnie To, 1995) - Tokyo Sonata (di Kiyoshi Kurosawa, 2008) - Nanayo (di Naomi Kawase, 2008)





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi