Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[ZOOM] Chris Marker


1 risposta a questa discussione

#1 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4372 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 June 2018 - 07:30 PM

Immagine inserita

Retrospettiva a cura di paxy e JulesJT

Immagine inserita Immagine inserita

Cenni biografici

Chris Marker (1921 - 2012) è stato uno scrittore, fotografo, regista, artista multimediale e documentarista francese. I suoi film più noti sono La jetée (1962), A Grin Without a Cat (1977), Sans Soleil (1983) e AK (1985), un documentario sul regista giapponese Akira Kurosawa.
Nome d'arte di Christian François Bouche-Villeneuve, Marker nacque a Parigi, in Francia, il 29 luglio 1921, eppure altre fonti e lui stesso sostengono che fosse nato a Ulan Bator, in Mongolia. (L'edizione del 1949 di Le Cœur Net indica come suo compleanno il 22 luglio.)
Durante la seconda guerra mondiale si unì al Maquis (movimento di resistenza e liberazione nazionale francese). Dopo gli eventi bellici iniziò a scrivere e fare film. Viaggiò in molti paesi socialisti e documentaò ciò che vide nei film e nei libri. Les statues meurent aussi (1953) - che codificò con Alain Resnais - fu uno dei primi film anticoloniali. Anatole Dauman produsse i primi film di Chris Marker e altri due più tardi, Domenica a Pechino e Lettera dalla Siberia.
Divenne noto a livello internazionale con il cortometraggio La jetée (1962): l'opera racconta di un esperimento di guerra post-nucleare in cui si viaggia nel tempo utilizzando una serie di fotografie filmate e sviluppate come un fotomontaggio dal ritmo variabile, con narrazione limitata ed effetti sonori.
La Jetée fu di ispirazione per il film d'esordio live di Mamoru Oshii del 1987, The Red Spectacles (e, più tardi, per le parti del film del 2001, Avalon) e anche i L'esercito delle 12 scimmie di Terry Gilliam (1995). Fu preso inoltre come riferimento per molte inquadrature del film The Namesake (2003), di Mira Nair.
Nel 1982 Marker completò Sans Soleil, estendendo i limiti di quello che si potrebbe definire un documentario. Si tratta di un saggio, un montaggio di frammenti documentaristici di finzione e commenti filosofici che genera un'atmosfera di sogno e fantascienza. I temi principali sono il Giappone, l'Africa, la memoria e i viaggi.
Una sequenza nel mezzo del film si svolge a San Francisco e fa chiaro riferimento a Vertigo di Alfred Hitchcock. A partire da Sans Soleil, sviluppò un profondo interesse per la tecnologia digitale che lo condusse ai suoi film Level 5 (1996) e Immemory (1998, 2008), un CD-ROM multimediale interattivo, prodotto per il Centre Pompidou (versione in lingua francese) e da Exact Change (versione inglese). Marker realizzò un pezzo multimediale di 19 minuti nel 2005 per il M.O.M.A. di New York intitolato Owls at Noon Prelude: The Hollow Men che venne influenzato da una poesia di T. S. Eliot.



Immagine inserita



Il tema primario nel cinema di Chris Marker è la memoria; la sua morte, oggi, all'età di novantuno anni (anzi, il giorno dopo il suo novantunesimo compleanno), induce a un simulacro della memoria, in tributi come questo, dove il contrasto tra il significato immediato (al protagonista nel dramma e a chi lo conosce e lo ama) e la sua riflessione pubblica tende all'assurdo.
Per Marker, la memoria non è passiva; è un atto di resistenza - il confine che taglia un percorso verso il futuro - e la funzione della memoria è la definizione stessa dell'arte. Marker era un maestro nel montaggio - la parte del processo di produzione cinematografica che Jean-Luc Godard, un altro caporedattore e artista, definiva come tenere il passato, il presente e il futuro nelle proprie mani - e la possibilità stessa di ricordare Marker richiede un po' di montaggio, un intrecciarsi di estratti da un documento sorprendente e cruciale.
Marker ha concesso poche interviste e non ha quasi mai permesso di essere fotografato; in una delle poche interviste che ha rilasciato nel 2003, a Samuel Douhaire e Annick Rivoire, per Libération, ha spiegato la sua reticenza, definendosi "publifobico":
"All'inizio degli anni '60, ciò era plausibile, ora è diventato letteralmente inammissibile. Non posso farci niente. Quel modo di porre il meccanismo della calunnia al servizio della lode mi ha sempre strofinato nel modo sbagliato, anche se riconosco che questa diabolica sponsorizzazione offra a volte le più belle immagini che si possano vedere su un piccolo schermo (avete David Lynch con le labbra blu?)."
In questo considerevole testo, fornisce diversi esempi di ciò che considera abusi della stampa: il silenzio circonda la ristampa del 2002 di un libro del 1945 del romanziere François Vernet, un suo amico morto a Dachau; la mancanza di discussione su una registrazione di canzoni di Viktor Ullmann di poesie di Hülderlin e Rilke ("qualcuno è colto dall'idea del tutto vertiginosa che, in quel momento, nessuno abbia glorificato la vera cultura tedesca più di questo musicista ebreo che presto sarebbe morto ad Auschwitz"). Marker ha definito il problema: "Il progresso esponenziale della stupidità e della volgarità, tutti ne sono consapevoli, ma non è solo una vaga sensazione di disgusto, è un fatto concreto, misurabile (può essere misurato dal volume del 'Woof!' che ospita padroni di talk show, cresciuto ad un numero allarmante di decibel negli ultimi cinque anni) e che costituisce un crimine contro l'umanità. Per non parlare dell'assalto permanente alla lingua francese."
È strano sentire (virtualmente) Marker parlare da solo; nell'intervista descrive la sua stessa ambizione, in particolare ciò che riguarda il suo vecchio kit leggero ed economico: "Cercare di dare la parola a chi non ce l'ha, e, quando possibile, aiutarli a trovare i loro mezzi di espressione.
Gli operai nello stabilimento di Rhodia nel 1967, ma anche i kosovari che ho filmato nel 2000, che non erano mai stati ascoltati in televisione: tutti parlavano per loro ...". Ha parlato di insegnare il montaggio de 'La corazzata Potemkin' a registi della Guinea-Bissau e dell'uso di apparecchiature televisive da parte dei rifugiati bosniaci, nel 1993.
Ma egli prende le distanze dall'etichetta di regista "politico": "Ciò che mi appassiona è la Storia, e la politica mi interessa solo nella misura in cui è la sezione trasversale della Storia nel presente."
Nel suo film del 1978 'A Grin Without a Cat' - il suo sguardo vasto e muto su cosa fossero realmente gli eventi del 1968, e perché si sono rivelati di così poca importanza - Marker raccoglie una serie straordinaria di filmati di documentari e, assemblandoli insieme al suo testo incisivo e provocatorio sulla colonna sonora, li fa rivivere.
Li infonde - e, attraverso di loro, la Storia stessa - con una nuova energia scioccante. È come se il suo pezzo di memoria - un memoriale per i sogni che morivano - in realtà rianimasse i sogni e, individuando le loro tracce in azioni ampiamente dimenticate, offrisse una mappa sorprendentemente pratica per far scoppiare un nuovo splendore con un'ombra di utopia soffocata.
E per quanto riguarda la voce: tanto quanto Marker maschera la sua - sia letteralmente, in 'The Beaches of Agnès' di Agnès Varda, che virtualmente nella sua particolare reticenza come saggista di un film che non parla di se stesso - ha realizzato uno dei più importanti film sull'utilizzo della voce, 'The Loneliness of the Long-Distance Singer' in cui segue Yves Montand nelle prove che portano al ritorno sul palco dopo una pausa di sei anni.
Il talento naturale di Montand, la sua pratica inarrestabile e rigida autodisciplina, il suo obiettivo fortemente focalizzato, altamente motivato e la sua presenza carismatica contribuiscono tutti a un'arte centrata sul corpo, sulla sua presentazione, sulla sua proiezione.
La modestia di Marker è quella di un artigiano devoto e di uno squisito esteta: un non-performante, un non-conduttore, un non-atleta, un ex-scrittore che non ha continuato: ha fatto l'unica cosa che ha coltivato con una dedizione incrollabile. In questo modo ha lasciato sulla Storia del cinema, e sulla Storia in quanto tale, un segno più duraturo e incisivo di quello della mera personalità.
Ha fatto della propria coscienza, del cinema l'incarnazione vivente della Storia, nella coscienza del suo tempo - e, ora che non è qui, anche dei tempi futuri.


Filmografia

Olympia 52 (1952)
Statues Also Die (1953)
Sundays in Peking (1956)
Letter from Siberia (1957)
Les Astronautes (1959)
Description d'un combat (1960)
¡Cuba Sí! (1961)
La jetée (1962)
Le joli mai (1963)
Le Mystère Koumiko (1965)
Si j'avais quatre dromadaires (1966)
Loin du Vietnam (1967)
Rhodiacéta (1967)
La Sixième face du pentagone (1968)
Cinétracts (1968)
À bientôt, j'espère (1968)
On vous parle du Brésil: Tortures (1969)
Jour de tournage (1969)
Classe de lutte (1969)
On vous parle de Paris: Maspero, les mots ont un sens (1970)
On vous parle du Brésil: Carlos Marighela (1970)
La Bataille des dix millions (1971)
Le Train en marche (1971)
On vous parle de Prague: le deuxième procès d'Artur London (1971)
Vive la baleine (1972)
L'Ambassade (1973)
On vous parle du Chili: ce que disait Allende (1973)
Puisqu'on vous dit que c'est possible (1974)
La Solitude du chanteur de fond (1974)
La Spirale (1975)
A Grin Without a Cat (1977)
Quand le siècle a pris formes (1978)
Junkopia (1981)
Sans Soleil (1983)
2084 (1984)
From Chris to Christo (1985)
Matta (1985)
A.K. (1985)
Eclats (1986)
Mémoires pour Simone (1986)
Tokyo Days (1988)
Spectre (1988)
L'héritage de la chouette (1989)
Bestiaire (1990)
Bestiaire 1. Chat écoutant la musique
Bestiaire 2. An owl is An owl is an owl
Bestiaire 3. Zoo Piece
Getting away with it (1990)
Berlin 1990 (1990)
Détour Ceausescu (1991)
Théorie des ensembles (1991)
Coin fenêtre (1992)
Azulmoon (1992)
Le Tombeau d'Alexandre a.k.a. The Last Bolshevik (1992)
Le 20 heurs dans les camps (1993)
Prime Time in the Camps (1993)
SLON Tango (1993)
Bullfight in Okinawa (1994)
Eclipse (1994)
Haiku (1994)
Haiku 1. Petite Ceinture
Haiku 2. Chaika
Haiku 3. Owl Gets in Your Eyes
Casque bleu (1995)
Silent Movie (1995)
Level Five (1997)
One Day in the Life of Andrei Arsenevich (1999)
Un maire au Kosovo (2000)
Le facteur sonne toujours cheval (2001
Avril inquiet (2001)
Le souvenir d'un avenir (with Bellon 2003)
Un maire au Kosovo (2000)
Chats Perchés (2004)
Leila Attacks (2006)
Stopover In Dubai (2011)



Immagine inserita


CALENDARIO SOTTOTITOLI DELLA RETROSPETTIVA

17/6. TOKYO DAYS
Allega file  Tokyo.days.AsianWorld.zip   2.16K   3 Numero di downloads

24/6. BE SEEING YOU
1/7. DESCRIPTION OF A STRUGGLE
8/7. LE MYSTÈRE KOUMIKO
18/7. LE JOLI MAI

Messaggio modificato da JulesJT il 17 June 2018 - 08:47 PM

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#2 paxy

    Microfonista

  • Collaboratore
  • 112 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 18 June 2018 - 07:53 PM

In allegato trovate i sottotitoli di un cortometraggio realizzato da Marker durante la sua permanenza a Tokyo. Sono compatibili con la versione su YT.
Sito web - Pagina Facebook - Canale YouTube

Traduzioni Cinema Asiatico:
The Clone Returns Home (Nakajima); The Backwater (Aoyama); Over Your Dead Body (Miike); Behemoth (Liang); Genpin (Kawase)

Traduzioni L'altro Cinema:
Je t'aime, je t'aime (Resnais); Horse Money (Costa); Nathalie Granger (Duras), Our Man (Costa), Ossos (Costa), Ne change rien (Costa); Slow Action (Rivers); Come on Children (King); A Married Couple (King); La valle chiusa (Rousseau); La belle Nivernaise (Epstein); Garoto (Bressane); Tokyo Days (Marker); Be seeing you (Marker); Description of a Struggle (Marker); The Koumiko Mystery (Marker)

Focus:
Pedro Costa, Allan King, Chris Marker





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi