Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Kenji Mizoguchi: The Life of a Film Director


8 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Produttore

  • Moderatore
  • 3997 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 22 April 2014 - 11:37 AM

Kenji Mizoguchi: The Life of a Film Director


Aru eiga-kantoku no shogai


ある映画監督の生涯 溝口健二の記録


Immagine inserita



Anno: 1975
Durata: 150 min.
Genere: Documentario
Regia: Kaneto Shindo


Immagine inserita
(sul set del suo ultimo film, "La strada della vergogna")




Recensione di andreapulp


"Kenji Mizoguchi, la vita di un regista" è lo splendido omaggio di Kaneto Shindo a un genio del cinema, un poeta dell'immagine, un maestro della mise-en-scène, uno spirito intimamente legato alla tradizione del Giappone e alla sua estetica. Shindo dipinge con tratto realistico e nostalgico la figura di Mizoguchi, del quale fu assistente nel periodo di "Genroku Chushingura" ("The 47 Ronin", 1941). Dal documentario traspare chiaramente il desiderio del regista di dar luce, con dovizia di particolari, ad un'immagine del maestro carismatica, malinconica, saggia e dedita profondamente al suo lavoro; una dimensione sacra e intima. Di fatto per comprendere il Mizoguchi uomo e sufficiente vedere i suoi film, empatizzare con il suo universo e i personaggi che lo popolano, comprenderne il linguaggio.
Il puzzle di Shindo si compone di voci e parole, intervengono nel documentario figure leggendarie del cinema giapponese classico, come i registi Yasuzo Masumura, Daisuke Ito, Tazuko Sakane (prima regista donna), gli attori Eiji Nakano, Takako Irie, Kinuyo Tanaka, Michiyo Kogure ed altri non meno importanti. Testimonianze indelebili di una vita intera dedicata alla ricerca del bello, della perfezione cinematografica e parallelamente ad una disamina della drammaticità della condizione umana. In Mizoguchi qualunque personaggio aspira a una bellezza interiore, quella dei sentimenti e delle emozioni, ma la macchina da presa è in grado di cogliere solamente quella delle apparenze, il che non fa che rendere ancora piu crudele la realta: "Fare un bel film non significa dirigere con razionalità bensi attraverso una profonda passione. Io ho acquisito una comprensione intrinseca degli esseri umani, sebbene ancora oggi potrei non averli compresi" (intervista rilasciata da Mizoguchi durante le riprese di "Akasen chitai" 1956).
L'occhio meticoloso di Shindo ci mostra frammenti di vita del regista, dall'infanzia passata a Tokyo, l'entrata negli studi della Nikkatsu, il trasferimento a Kyoto che lo influenzò profondamente, gli amori e le depressioni. L'esistenza del maestro è inoltre inanellata da aneddoti che stemperano il tono drammatico; Shindo li mette in scena sapientemente e lo spettatore non può che affezionarsi a questa figura cosi criptica ma nel contempo profondamente umana e carismatica. Il suo rapporto con i luoghi di piacere (lo scandalo per un evento legato ad una prostituta), la sua fissazione morbosa per la recitazione, l'amore non corrisposto per l'attrice Kinuyo Tanaka, l'esperienza importante del Festival del cinema di Venezia (1953), ed altri avvenimenti che calano ulteriormente lo spettatore in quegli anni cosi vitali ed artisticamente importanti. Sebbene Mizoguchi apparisse come un uomo dai valori saldi, molto ligio e severo nel suo lavoro, al di fuori era completamente diverso, ascoltava e sorrideva, "un demonio sul set e un angelo fuori", come afferma Nobuko Otowa, attrice del film "Oyu sama" (1951).
L'ammirazione di Shindo per il cinema di Mizoguchi è evidente (tant'è che ne riprenderà le tematiche in parte con il film "Genbaku no ko" del 1953). Cio che lega maestro (Mizoguchi) ed assistente (Shindo) è il valore di transitorietà e di evanescenza della bellezza che traspare dalla loro poetica. È la dimensione di sofferenza e malinconia che accompagna le nostre vite, le proietta verso un confronto con sè stessi nel presente impermanente; "Mono no aware", la precarietà è insita nella realtà e Mizoguchi incarna e chiosa questo concetto nei sui film. Il suo vuole essere un tentativo di capire la tristezza (ovvero il sentimento che determina nello spettatore) attraverso la bellezza (ovvero la sua estetica, le sue scelte di stile e le sue opzioni di messa in scena).Il vincolo tra i due universi diegetici traspare inoltre dal rapporto con la figura femminile. Da un lato, quello di Shindo, la donna combatte per affermare la sua identità in una società patriarcale che tende ad annichilire l'universo femminile e lo priva della dignità; dall'altro, Mizoguchi è artefice di donne in decadenza, arrendevoli e vittime del loro destino. La donna mizoguchiana è vittima sacrificale di una societa retta sulla protervia maschile, in cui i ruoli sociali sono sacralizzati dalla storia.
"Kenji Mizoguchi, la vita di un regista" è in conclusione una straordinaria epigrafe dell'opera di Mizoguchi, che, citando il titolo di un romanzo di Kawabata, potremmo sintetizzare con due termini: "bellezza" e "tristezza". Una dicotomia che alberga in tutti i film del regista, la chiave per comprendere l'immensa opera che ha segnato la storia della settima arte.


Immagine inserita

(Mizoguchi a 27 anni)


Immagine inserita

(Mizoguchi sul fiume Yangtze durante la Seconda guerra mondiale)




Le donne di Mizoguchi


Il cinema di Mizoguchi ruota intorno alla figura della donna. Nessun altro regista ha probabilmente indagato con tale forza l'universo femminile, regalato alla settima arte ritratti così importanti. Le donne di Mizoguchi hanno il volto di straordinarie attrici giapponesi. Shindo ne intervista undici nel documentario. Alcune lavorarono in diversi film del Maestro. A cominciare da Kinuyo Tanaka, autentica musa del regista, protagonista di tanti suoi film: La vita di O-Haru, L'intendente Sansho, I racconti della luna pallida d'agosto, La signora di Musashino, La signora Oyu, Il mio amore brucia, Le donne della notte, Miyamoto Musashi, Tre generazioni di Danjuro, Cinque donne intorno a Utamaro, Una donna di Osaka, La vittoria delle donne, L'amore dell'attrice Sumako, Una donna di cui si parla). Ci sono poi Isuzu Yamada, che lega il suo nome a due stupendi film come Elegia di Osaka e Le sorelle di Gion realizzati entrambi nel 1936, Machiko Kyo indimenticabile nel ruolo di Lady Wakasa nel film forse più noto di Mizoguchi, I racconti della luna pallida d'agosto, ma protagonista anche di L'imperatrice Yang Kwei-fei e La strada della vergogna. E ancora Michiyo Kogure che si può ammirare in La musica di Gion, Il ritratto della signora Yuki, Nuova storia del clan Heike, La strada della vergogna; Kyoko Kagawa che ritroviamo nei film L'intendente Sansho e Gli amanti crocifissi; Ayako Wakao presente in La musica di Gion e La strada della vergogna; Kakuko Mori, protagonista di Racconto dei tardi crisantemi e Nobuko Otowa alla quale Mizoguchi affido uno dei suoi primi ruoli in La signora Oyu. Oltre a queste otto, ricordate anche nelle foto sotto, vengono intervistate nel documentario anche Fumiko Yamaji (L'abisso dell'amore e dell'odio, La canzone dell'accampamento), Kumeko Urabe (la festa di Gion, Il filo bianco della cascata, L'abisso dell'amore e dell'odio, Le donne della notte, Il ritratto della signora Yuki, La strada della vergogna), Takako Irie (Il filo bianco della cascata, Sinfonia metropolitana, La marcia di Tokyo).


Immagine inserita



Immagine inserita
(Kaneto Shindo intervista l'attrice Nobuko Otowa che fu anche sua moglie)



Non solo attrici però. Nel fim sono raccolte testimonianze anche di registi come Daisuke Ito e Yasuzo Masumura, dei suoi principali collaboratori come sceneggiatori Yoshitaka Yoda e Matsutaro Kawaguchi, degli attori Ganjiro Nakamura, Eitaro Ozawa, Eitaro Shindo, Eijiro Yanagi, di tecnici, e produttori.


Immagine inserita
(Yoshikata Yoda, Kinuyo Tanaka e Kenji Mizoguchi a Parigi nel 1953)

Immagine inserita

(Mizoguchi a Venezia nel 1953; "I racconti della luna pallida d'agosto" vinse il Leone d'Argento)


SOTTOTITOLI


versione: 1,46 (per dettagli chiedere via pm ai subber)


Traduzione: andreapulp, fabiojappo




* In archivio sono presenti i sottotitoli di alcuni film di Kenji Mizoguchi


* Nell'area focus si può leggere un ampio speciale su Kaneto Shindo



Immagine inserita

(la tomba di Mizoguchi a Kyoto)


LO STAFF RICORDA CHE È VIETATO HARDSUBBARE O METTERE IN STREAMING
I SOTTOTITOLI PUBBLICATI SU ASIANWORLD.IT




Ordina il DVD su

Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 22 April 2014 - 12:28 PM


#2 fabiojappo

    Produttore

  • Moderatore
  • 3997 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 22 April 2014 - 11:59 AM

La data del rilascio di questi sottotitoli non è casuale. Kaneto Shindo, scomparso pochi anni fa, era nato proprio il 22 aprile (del 1912). L'omaggio a questo grande regista, già ricordato da asianworld.it con un memorabile speciale, si allarga qui ovviamente al maestro: Kenji Mizoguchi. E non solo. Ricordando la sua figura, i suoi film, il tributo arriva a comprendere una fetta importantissima del cinema giapponese anche grazie alla presenza nel documentario di altre leggende che lavorarono con Mizoguchi.

Sui contenuti e la meraviglia di questo documentario dice tutto perfettamente la bellissima recensione di Andrea a cui va dato il merito principale dell'approdo di questi sottotitoli su AW. Sono contento di avergli dato una mano e onorato di aver contribuito a questa traduzione che aiuterà spero a far conoscere di più una perla che racchiude tanto di quel cinema che amo. Che amiamo. Un'opera imprescindibile per chi ha visto almeno qualche film di Mizoguchi, maestro assoluto della settima arte. I suoi inizi all'inizio degli anni Venti, cinema pionieristico di artisti-artigiani in grado di saper fare tutto, l'evoluzione nel corso degli anni, il suo modo di lavorare mosso sempre da un'onesta ammirevole nella rappresentazione. Esemplificativo il suo costante cambiare sceneggiatura durante la realizzazione dei film alla ricerca di naturalezza, verità nella recitazione. Il suo modo di dirigere gli attori a cui chiedeva prima di tutto di capire, di sentire profondamente il personaggio. Figura complessa, anche controversa come dimostrano le diverse testimonianze di chi lavorava con lui e lo conosceva bene. Irruento e gentile, entusiasta e depresso, dalla parte delle classi disagiate ma attento alla sua posizione sociale, capace di piangere davanti un quadro ed essere spietato sul set da far piangere le attrici. Con nella vita però una stella cometa: il grande amore, puro, per il suo lavoro.

Messaggio modificato da fabiojappo il 22 April 2014 - 12:11 PM


#3 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4083 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 22 April 2014 - 12:36 PM

Bravissimi, garçons! Ottima proposta, ben curata e ricca di riferimenti storici.

#4 Tyto

    Microfonista

  • Membro
  • 208 Messaggi:
  • Location:Pistoia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 22 April 2014 - 03:17 PM

Eh, questa è manna dal cielo!
Grazie a tutti e due e complimenti a Andreapulp per la recensione.
file:///C:/Users/Francesco/Desktop/Francesco/Personale/inkan/Inkan.jpgImmagine inserita

#5 Re Nah Toh

    PortaCaffé

  • Membro
  • 23 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 22 April 2014 - 04:08 PM

Che meraviglia! Bravissimi.

#6 Barbalex

    PortaCaffé

  • Membro
  • 24 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 22 April 2014 - 06:56 PM

Bellissimo docu-film di Shindo sul grande regista giapponese Mizoguchi! :em41:
Grazie ai subber andreapulp e fabiojappo :em83:

Messaggio modificato da Barbalex il 22 April 2014 - 06:57 PM


#7 andreapulp

    Microfonista

  • Membro
  • 154 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 22 April 2014 - 08:04 PM

Grazie a tutti :) In particolare ci tengo a ringraziare Fabio per avermi dato supporto. La prima pubblicazione su AW è un giorno indimenticabile. Devo veramente tanto a questo forum!

#8 bleetek

    PortaCaffé

  • Membro
  • 15 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 23 April 2014 - 04:57 PM

Grazie mille!!!! Finalmente posso vederlo in italiano!!!!

#9 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1453 Messaggi:
  • Location:Alghero (SS)
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 25 April 2014 - 09:36 AM

Grandissimo esordio per Andrea! Grazie, ragazzi!

Immagine inserita


Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2010: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema: - Mio in the Land of Faraway (10%)





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi