Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Bushido: The Cruel Code of the Samurai


7 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4397 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 14 February 2014 - 10:27 PM

Bushido: The Cruel Code of the Samurai

a.k.a. Cruel Tales of Bushido a.k.a. Bushido, Samurai Saga

Titolo originale: Bushido zankoku monogatari


Immagine inserita


Orso d'oro al festival di Berlino

Anno: 1963
Durata: 122 min.
Regia: Imai Tadashi

Cast: Nakamura Kinnosuke, Kishida Kyoko, Mori Masayuki, Mita Yoshiko

Traduzione sottotitoli: livius28
Revisione e commento: fabiojappo




Trama. Tokyo, anni Sessanta. L'impiegato Susumu si precipita al capezzale della sua fidanzata, Kyoko, che ha tentato il suicidio. Mentre si chiede il perché del gesto della ragazza ripercorre la storia della sua famiglia a partire dall'inizio del XVII secolo, dal giorno in cui il suo antenato Jirozaemon entrò nel clan Yazaki.


La vita di un samurai non è sua, ma appartiene al suo signore



Dovere, lealtà. Concetti fondamentali del Bushido, il codice di condotta dei samurai. Un modo di vita che poteva portare a estreme conseguenze. Il film mostra questo, il sacrificio di diverse generazioni della famiglia Iikura, una famiglia di samurai pronti a sacrificare tutto per il signore del proprio clan: il corpo, gli affetti, la vita. Uno strepitoso Nakamura Kinnosuke interpreta sette ruoli (Jirozaemon, Sajiemon, Kyutaro, Shuzo, Shingo, Osamu, Susumu) per altrettante storie unite dal filo rosso della devozione che porta alla tragedia (quella con Shuzo probabilmente la punta massima). La storia crudele della famiglia Iikura, una storia che si ripete nei secoli fino ai tempi moderni. Perché tra un samurai che fa seppuku e un kamikaze o un impiegato pronto a sacrificare tanto per la sua azienda in fondo non c'è molta differenza. Il film non nasconde poi l'interesse sociale del regista, mostrando gli abusi non soltanto nei confronti dei samurai, ma anche dei contadini. D'altronde la biografia di Imai Tadashi parla chiaro: all'università abbraccia ideali marxisti entrando nella lega giovanile comunista e in seguito il suo cinema sarà caratterizzato da un costante impegno sociale. Al di là del contenuto, una regia di valore, curata nella composizione dell'inquadratura, arricchisce il coinvolgente racconto di grande impatto drammatico. Un film importante, il primo dei due giapponesi a vincere l'Orso d'Oro al festival di Berlino (l'altro è "La città incantata di Miyazaki).



SOTTOTITOLI

(versione 1,36)




Grazie a livius28 per la traduzione dei sottotitoli, un film che ci voleva nel già vasto archivio di AW



Ordina il DVD su

Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 13 February 2017 - 03:38 PM


#2 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 February 2014 - 02:25 PM

Un sentito ringraziamento a livius28 e ovviamente a fabiojappo! Sento odore di pietra miliare!

Immagine inserita


#3 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4467 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 February 2014 - 02:40 PM

Grazie mille per questa proposta. :)

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#4 andreapulp

    Microfonista

  • Membro
  • 157 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 February 2014 - 06:56 PM

Quoto Cigno, anche secondo me questa è una pietra miliare :) Grazie a livius per la traduzione e Fabio che con la sua passione e il suo amore per il cinema ci ha regalato un commento esemplare! Il concetto di dovere e lealtà nella cultura Giapponese è un aspetto che amo e questo film a mio parere profuma di capolavoro!

#5 Tyto

    Microfonista

  • Membro
  • 208 Messaggi:
  • Location:Pistoia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 February 2014 - 11:17 AM

Grazie davvero ragazzi!
file:///C:/Users/Francesco/Desktop/Francesco/Personale/inkan/Inkan.jpgImmagine inserita

#6 Yoshikawa

    Cameraman

  • Membro
  • 667 Messaggi:
  • Location:em I
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 February 2014 - 11:06 PM

Interessantissimo! mille grazie!

Blind Mountain Cannot Live without You

Immagine inserita

He remembers those vanished years, as though looking through a dusty window pane.
The past is something he could see, but not touch; And everything he sees is blurred and indistinct.


#7 Iloveasia

    Microfonista

  • Membro
  • 114 Messaggi:
  • Location:Milano
  • Sesso:

Inviato 13 February 2017 - 11:44 AM

Grazie per averci introdotto alla conoscenza di questo regista, di cui non sapevo neanche l'esistenza. Volevo segnalare, per chi fosse interessato, che esistono online i sub di un altro suo film del 1951 se ricordo bene, TILL WE MEET AGAIN (Mata Au HI Made), contrassegnato da un accorato pacifismo. Confesso che mi è piaciuto più di questo.

#8 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4397 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 13 February 2017 - 03:48 PM

Visualizza MessaggioIloveasia, il 13 February 2017 - 11:44 AM, ha scritto:

Grazie per averci introdotto alla conoscenza di questo regista

Un altro grande, in effetti poco conosciuto. Speriamo di proporre qualche altro suo film prossimamente.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi