Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[TRIBUTO] Machiko Kyo


7 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4421 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 25 March 2013 - 10:31 AM

Se Toshiro Mifune, Takashi Shimura, Tatsuya Nakadai sono gli attori simbolo del grande cinema giapponese, la controparte femminile – dove è ancora più difficile limitarsi a pochi nomi – è rappresentata da attrici come Isuzu Yamada, Hideko Takamine, Kinuyo Tanaka, Setsuko Hara e lei. Machiko Kyo, protagonista di film leggendari come "Rashomon" e "I racconti della luna pallida d'agosto", nata a Osaka il 25 marzo del 1924. Per celebrare la grande interprete abbiamo preparato - nel giorno del suo compleanno - questo piccolo omaggio che si lega, si completa, con il rilascio dei sottotitoli di "The Face of Another" di Hiroshi Teshigahara. Un altro capolavoro nel quale si può apprezzare il suo talento camaleontico.


Immagine inserita


Machiko Kyo, la diva giapponese che conquistò anche l'Occidente


a cura di Picchi e fabiojappo



Machiko Kyo, all'anagrafe Yamo Motoko, nasce a Osaka il 25 marzo del 1924. Giovanissima entra come ballerina nella Shochiku Opera e a vent'anni inizia ad affacciarsi al mondo del cinema con piccoli ruoli in alcuni film. La svolta nella sua carriera arriva nel 1949 quando il produttore Masaichi Nagata la vuole per la casa Daiei: diventerà in poco tempo una stella del cinema e un sex symbol. La prima attrice giapponese ad essere curata come una star occidentale. Su di lei – ha osservato Donald Richie, il grande studioso di cinematografia nipponica recentemente scomparso – fu costruita la prima campagna basata sul glamour e il sex appeal, con il suo corpo più presente del suo volto.

Il più rappresentativo dei suoi primi ruoli è quello della protagonista, Naomi, di Chijin no ai, film di Keigo Kimura basato su un romanzo di Tanizaki. Nel cast anche Masayuki Mori che ritroverà in altri film, a cominciare da Rashomon. Lo straordinario capolavoro realizzato da Akira Kurosawa nel 1950 vince il Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia e l'Oscar ad honorem come miglior film straniero. Machiko Kyo ottiene anche un riconoscimento personale in patria, il Mainichi Film Award come miglior attrice. La sua performance nel ruolo di Masako, moglie del samurai ucciso, conquista tutti.

La sua reputazione di attrice viene confermata e consolidata successivamente in una serie di film nei quali viene diretta da Kozaburo Yoshimura (tra questi la nota trasposizione cinematografica del Genji monogatari del 1951). Anno fondamentale nella carriera di Machiko Kyo è il 1953 quando è protagonista di tre film, uno più importante dell'altro. Mikio Naruse la dirige in Ani imoto (Older Brother, Younger Sister), Teinosuke Kinugasa in Jigokumon (Gate of Hell) che vince il Gran Prix al Festival di Cannes e l'Oscar come miglior film straniero. Ma soprattutto Machiko Kyo è l'indimenticabile Lady Wakasa di Ugetsu monogatari (Tales of Ugetsu - I racconti della luna pallida d'agosto) di Kenji Mizoguchi che a Venezia conquista il Leone d'Argento. L'interpretazione della principessa fantasma che seduce il vasaio Genjiuro è forse il vertice massimo della carriera dell'attrice. Con le sue movenze, la recitazione che si rifà al teatro Noh, porta in scena un personaggio femminile che entra a pieno diritto nella leggenda del cinema.

Immagine inserita



Sono proprio questi due ultimi film sui quali punta il produttore Masaichi Nagata che in quell'anno lancia un forte piano di esportazione del cinema giapponese nel mondo. Le pellicole approdano negli Stati Uniti e ottengono un buon successo. Qualcuno paragona Machiko Kyo a Marilyn Monroe e Jane Russell (che nello stesso 1953 incantano insieme in “Gli uomini preferiscono le bionde” di Howard Hawks). Un paio d'anni dopo l'attrice viene anche scelta come protagonista femminile del film americano The Teahouse of the August Moon (La casa da tè alla luna d'agosto) diretto da Daniel Mann e con nel cast due star come Glenn Ford e Marlon Bando. Per la sua interpretazione riceve anche una nomination ai Golden Globe.

A metà degli anni Cinquanta la collaborazione con Mizoguchi, allora ai suoi ultimi lavori, porta all'attrice altri ruoli memorabili: quello della principessa in Yokihi (Princess Yang Kwei-Fei) e ancor di più quello della prorompente prostituta in Akasen chitai (Street of Shame). Altri grandi maestri del cinema dirigono l'attrice negli anni successivi. A cominciare da Yasujiro Ozu che nel 1959 realizza Ukigusa (Floating Weeds), una specie di remake di un altro film degli anni Trenta dello stesso regista. Lavora anche con Kaneto Shindo che la dirige in Kanashimi wa onna dakeni e più volte con Kon Ichikawa. Da ricordare in particolare Kagi (Odd Obsession) tratto dal famoso romanzo di Tanizaki.

Gli anni Sessanta sono meno gloriosi, la golden age del cinema giapponese comincia a vedere il suo tramonto. Non mancano comunque pellicole importanti e ruoli memorabili per Machiko Kyo. Nel 1964 grazie alla perfomance in Amai ase di Shiro Toyoda vince come migliore attrice Mainichi Film Award e Kinema Jumpo Award. Due anni dopo dà un contributo importante in Tanin no kao (The Face of Another) di Hiroshi Teshigahara nel quale interpreta la signora Okuyama, moglie di Tatsuya Nakadai.

The Face of Another è l'ultimo capolavoro al quale prende parte. Tra i film successivi da segnalare Senzaburu di Yasuzo Masumura del 1969. In seguito l'attrice si dedica soprattutto al teatro con alcune apparizioni anche in tv, mentre quelle cinematografiche diminuiscono, complice pure il fallimento della Daiei nel 1971. Attraverso il suo lavoro indimenticabile con molti dei più grandi registi della storia (Kurosawa, Mizoguchi, Ozu, Naruse, Ichikawa, Teshigahara, Shindo...) Machiko Kyo rimane uno dei volti più riconoscibili, dei simboli del cinema giapponese.


Immagine inserita



Fonti utilizzate:
- Filmografia su IMDb
- "International Dictionary of Films and Filmmakers" (vol. 3 - Actors and Actresses)





Sottotitoli dei film con Machiko Kyo

presenti nell'archivio di AW

(link alle relative discussioni)


Rashomon *

Tales of Ugetsu *

Princess Yang Kwei Fei

Street of Shame

Odd Obsession

The Face of Another



*Sottotitoli tolti in seguito all'uscita in Italia del dvd




Video-omaggio trovato su Youtube



Messaggio modificato da fabiojappo il 14 May 2019 - 06:12 PM


#2 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 25 March 2013 - 02:04 PM

La adoro! :em41: Un omaggio più che condiviso!!!

Immagine inserita


#3 François Truffaut

    Wonghiano

  • Amministratore
  • 13016 Messaggi:
  • Location:Oriental Hotel
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 25 March 2013 - 04:54 PM

E' una delle attrici che amo di più: omaggio doveroso! Grazie!

Cinema Taiwanese su AsianWorld.it



Immagine inserita

Naomi Kawase: il cinema, i film

Immagine inserita



Sottotitoli per AsianWorld: The Most Distant Course (di Lin Jing-jie, 2007) - The Time to Live and the Time to Die (di Hou Hsiao-hsien, 1985) - The Valiant Ones (di King Hu, 1975) - The Mourning Forest (di Naomi Kawase, 2007) - Loving You (di Johnnie To, 1995) - Tokyo Sonata (di Kiyoshi Kurosawa, 2008) - Nanayo (di Naomi Kawase, 2008)

#4 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1719 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 25 March 2013 - 10:19 PM

Purtroppo io ho visto solo Rashomon, cercherò di rimediare.

Auguri alla diva! :em10:
Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2001: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002), Mio in the Land of Faraway (1987); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), Secret Chronicle: She Beast Market (1974), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013), Empress Wu Tse-Tien (1963), Be with You (2018), Rage (2016), Himeanole (2016), Her Love Boils Bathwater (2016), Cutie Honey: Tears (2016), Good Morning Show (2016), Capturing Dad (2013); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema -.

#5 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4421 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 25 March 2014 - 12:35 PM

Compie oggi 90 anni la grande Machiko Kyo. Ricordo la leggendaria attrice con uno dei suoi ruoli più celebri, quello di Lady Wakasa in Ugetsu di Mizoguchi. Ecco una clip di qualche minuto dal meraviglioso film del Maestro:



Messaggio modificato da fabiojappo il 25 March 2014 - 12:57 PM


#6 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4421 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 14 May 2019 - 05:25 PM

Si è spenta all’età di 95 anni la leggendaria attrice giapponese alla quale avevamo dedicato questo piccolo approfondimento.

#7 ggrfortitudo

    Operatore luci

  • Membro
  • 497 Messaggi:
  • Location:Ozieri (SS)
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 14 May 2019 - 08:40 PM

Ho letto oggi l'approfondimento...
Ricordo che tante notti, decenni fa, ho messo il videoregistratore a registrare Fuori Orario, per godere anche di suoi film.
Rashomon resta sopra tutti; ma non dimentico I Racconti della Pallida Luna d'Agosto, Il Volto di Un Altro, La Strada della Vergogna, La Via dell'Inferno.

Cercherò di recuperare altri suoi film.

:em37: :em37: :em37: :em37:

#8 Dan

    It’s Suntory Time!

  • Membro
  • 5341 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 June 2019 - 02:19 PM

Molti sono tuttora irreperibili, ohinoi... tra cui diversi sicuramente di rilievo. Tra i non citati (mi pare), voglio consigliare Jokyo (1960), quasi sconosciuto film ad episodi a colori sulla donna, diretto nientemeno che da Ichikawa, Yoshimura e Masumura. Diseguale, ovviamente, ma nel complesso un buon prodotto (un episodio me lo ricordo notevole, ma non rammento quale, forse Yoshimura...). E poi ci stanno veramente tutte nel cast: Yamamoto, Kyo, Wakao, Hidari Sachiko, la Nozoe...





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi