Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] The Terrorizers


7 risposte a questa discussione

#1 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4193 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 November 2015 - 01:22 PM

Immagine inserita


Immagine inserita Immagine inserita


Titolo originale: Kong bu fen zi (恐怖分子)
Regia: Edward Yang
Paese: Taiwan
Anno: 1986
Genere: Drammatico
Durata: 109'
Lingua: Mandarino - Min nan (Min meridionale)
Interpreti: Cora Miao (Zhou Yufeng), Lichun Lee (Li Lizhong), Shi-Jye Jin (Xiao Shen)



Immagine inserita


Seguendo le enormi, imprescindibili, orme di maestri come Bergman e Antonioni; così avanza i primi passi il “Nuovo Cinema di Taiwan”, forte di maestri come Tsai e Yang. Quest’ultimo, in una delle massime espressioni del proprio Cinema, realizza un’opera sospesa nel tempo, disturbante, che ricerca la veicolazione proprio nella stessa mancanza che veniva brillantemente espressa dal “Blow-up” del già citato cineasta italiano, attraverso un’immagine turbante e maledetta, che si interroga sulla vita attraverso una contemplazione dell’attimo e del presente quasi sacrale, indimenticabile in tutta la sua innata potenza espressiva.
Taipei. Le vite di quattro personaggi apparentemente estranei tra loro si incontrano e congiungono nell’apatia e nella follia stagnante della metropoli taiwanese. Quando l’affascinante membro di una gang giovanile minerà la tranquillità di nucleo familiare insinuando il dubbio dell’infedeltà tra i coniugi, ogni equilibrio verrà spezzato, portando il marito accusato di tradimento all’insanità mentale ed al tracollo e concludendo l’intera vicenda in una spirale di violenza terrificante quanto inaspettata. Ad osservare tutto questo un giovane fotografo, spettatore esterno antonioniano e proiezione delle angosce e delle morbosità di un’intera società.
Appare quasi come un intricato, insolvibile rebus questo straordinario giallo metafisico; un rebus senza chiave, un misterioso spiraglio sulla vita di persone tanto ordinarie quanto forse eccessivamente tali. Non è certo una risposta quella che vuole dare Yang in questa sua lodevolissima impresa, quanto probabilmente l’illustrazione tecnicamente efficiente del mondo d’oggi in tutto il suo complesso, eclettico substrato di angosce e di mancanze a livello ideologico. Vediamo difatti come nell’opera in causa venga a mancare completamente fin dal primo momento quella base di raziocinio normalmente data per scontata (banalmente semplificabile con il termine “normalità) che costituisce in seguito la base di ogni ulteriore sviluppo pregiudicandone il proseguimento. Proseguimento che andrà ad assumere i tratti di un’opera dove non si ricerca più il significato di un’azione, il suo apporto pratico, quanto al contrario la sua componente puramente simbolica, filosofica, si potrebbe quasi dire.
In questo modo dunque otteniamo in quanto spettatori l’effetto di assistere ad una serie di proiezioni a se stanti per significato e per fini, tutte precisamente collegate fra loro ma al contempo assolutamente differenti. Ciò che le collega e che fa da comune denominatore per l’intera totalità del film è il fattore umano, o meglio l’incognita umana. Quella sfuggente chiave di volta che priva di un vero e proprio significato quasi tutte le azioni che vediamo susseguirsi durante la visione, dalla chiamata improvvisata fino al tremendo epilogo. Una catena di drammi ai quali osserviamo increduli, la stessa che per certi versi non atterrisce in quanto tale, bensì per gli ancor maggiormente spaventosi connotati che assume a livello interpretativo e contenutistico. Ciò che rimane da fare è osservare, prendere atto consapevolmente, metabolizzare. Sebbene in modo molto meno enfatizzato anche qui, come in Blow-up la figura del fotografo diventa un tramite quasi extrasensoriale, privato del suo essere in quanto tale ed elevato al semplice grado di spettatore, inerme e in un certo senso onnisciente in quanto conscio dell’illogicità dello scenario a lui noto.
Da una vanificazione totale di ogni tipo di linearità sceneggiativa, dunque un punto di vista socialmente destrutturalizzato, arriviamo ad una concezione spazio-temporale del tutto nulla, assoggettata ad una serie di ramificazioni che, se sul piano personale assumono un connotato narrativo, di fatto vantano una valenza assolutamente simbolica e concettuale, affatto contestualizzate. Privata di tutto ciò, la pellicola si muove irremovibile su un piano astratto e, con un meccanismo comune ai lavori del maestro ungherese Béla Tarr, osserva gli avvenimenti lasciando lo spettatore inerme ed indifeso contemplatore di una tragedia moderna, di una terribile agonia umana ed esistenziale prettamente minimalista nella ripresa di particolari altamente simbolici.
Un film che non ha bisogno di commenti né di particolari letture, un atto d’amore nei confronti del più puro ed elevato Cinema mai intentato, un’esperienza visiva unica ed impareggiabile, un tassello fondamentale per l’evoluzione stessa del Cinema moderno. [fonte: cinepaxy]


Immagine inserita


Recensione: paxy
Traduzione: JulesJT



SOTTOTITOLI
(Versione: 1.36)







Ordina il DVD su
Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 10 November 2015 - 05:11 PM


#2 François Truffaut

    Wonghiano

  • Amministratore
  • 12834 Messaggi:
  • Location:Oriental Hotel
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 11 November 2015 - 10:32 AM

Grazie Jules per aver finalmente reso disponibile in italiano questo grande film di Edward Yang, forse quello che ha subito di più influenza del cinema europeo.

Cinema Taiwanese su AsianWorld.it



Immagine inserita

Naomi Kawase: il cinema, i film

Immagine inserita



Sottotitoli per AsianWorld: The Most Distant Course (di Lin Jing-jie, 2007) - The Time to Live and the Time to Die (di Hou Hsiao-hsien, 1985) - The Valiant Ones (di King Hu, 1975) - The Mourning Forest (di Naomi Kawase, 2007) - Loving You (di Johnnie To, 1995) - Tokyo Sonata (di Kiyoshi Kurosawa, 2008) - Nanayo (di Naomi Kawase, 2008)

#3 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4075 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 11 November 2015 - 07:55 PM

Grande Jules. Forever Yang !

#4 Robocop XIII

    PortaCaffé

  • Membro
  • 22 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 15 November 2015 - 12:15 AM

L'ho apprezzato maggiormente rispetto a Boys of Fengkuei. Ho apprezzato l'allontanarsi dal realismo e l'ambientazione di Taipei. Ma soprattutto la fotografia così precisa, elegante e la cura maniacale per le luci. Ho apprezzato inoltre l'utilizzo di campi più stretti e il maggiore utilizzo di primi piani, per continuare il confronto col film-manifesto di Hou. Il film ha inoltre delle scene e delle immagini di una potenza cinematografica assurda. Sono queste a farmi capire che Yang aveva le carte per cacciare fuori un cult, cosa che non è successa.

Il maggiore difetto dell'opera è secondo me la storia che più essere tale è un collage di slices of life. Per quanto queste "fette" di vita risultino appartenenti a personaggi effettivamente interessanti, per quanto poco ci sia dato conoscere di loro durante il lungometraggio. Il fatto è che quasi l'intero film funziona come una molla atta a far esplodere il meccanismo nel finale. Ma per quanto bello il finale (che riesce anche a giocare con la metanarrazione) questo non cancella la noia della prima metà. Inoltre a fronte di tutta questa impalcatura creatasi, pure gli sprazzi di poetica - come l'importanza degli attimi - risultano poco efficaci.

I miei due centesimi.

#5 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4193 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 November 2015 - 11:39 AM

Visualizza MessaggioRobocop XIII, il 15 November 2015 - 12:15 AM, ha scritto:

L'ho apprezzato (...)

Grazie per il commento, Robocop. Davvero un'analisi lucida. ;)

#6 battleroyale

    Kimkidukkiano Bjorkofilo

  • Collaboratore
  • 4423 Messaggi:
  • Location:Lecco
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 January 2016 - 08:40 PM

1986? 1986? Ma come? Praticamente la regia e la fotografia (PERFETTE, prendete appunti) sono una versione migliore di quelle tipiche del cinema d'autore di questi anni.
Uno di quei film dove ogni inquadratura è talmente potente che si potrebbe basare anche solo su quelle.
Sweet Like Harmony, Made Into Flesh... You dance by my side, children sublime!


Immagine inserita



Le mie recensioni cinematografiche: http://matteo-bjork-...i.blogspot.com/

Lungometraggi subbati per aw: Lunchbox, Wool 100% , Tomie: Revenge, Sexual Parasite: Killer Pussy, Pray, Violated Angels, Go Go Second Time Virgin (Migliore attrice al XIV AW Award), A Slit-Mouthed Woman, Kuchisake, Teenage Hooker Became Killing Machine In DaeHakRoh, Marronnier, Raigyo, X-Cross, Loft (premio alla miglior regia al XV AW Award), The House, Evil Dead Trap 2 , Id, Female Market, The Coffin, Art Of The Devil 3, Coming Soon, Wife Collector, Nang Nak , Whispering Corridors 5: A Blood Pledge, Grotesque, Gonin, 4bia , Lover, Unborn But Forgotten, Life Is Cool , Serial Rapist, Noisy Requiem, Pig Chicken Suicide, Tamami: The Baby's Curse, Nymph, Blissfully Yours, La Belle, February 29, The Cut, Zinda, Rule Number One, Creepy Hide And Seek, M, Visage, Female, Naked Pursuit, Today And The Other Days, Red To Kill, Embracing, Kaleidoscope, Sky, Wind, Fire, Water, Earth, Letter From A Yellow Cherry Blossom, The Third Eye, 4bia 2, The Whispering Of The Gods, My Ex, The Burning, The Haunted Apartments, Vegetarian, Vanished, Forbidden Siren, Hole In The Sky (fabiojappo feat. battleroyale), Invitation Only, Night And Day, My Daughter, Amphetamine, Soundless Wind Chime, Child's Eye, Poetry, Oki's Movie , Natalie, Acqua Tiepida Sotto Un Ponte Rosso, The Echo, Gelatin Silver, Love, Help, Hazard, Late Bloomer, Routine Holiday, Olgami- The Hole, Caterpillar, The Commitment, Raffles Hotel, Ocean Flame, The Sylvian Experiments, Bloody Beach, The Vanished, Dream Affection, White: The Melody Of The Curse, Eighteen, I Am Keiko, Guilty Of Romance, Muscle, Birthday, Journey To Japan, POV: A Cursed Film, Exhausted, Uniform Virgin: The Prey, Gimme Shelter

Serie tv subbate per aw: Prayer Beads

Cortometraggi subbati per aw: Guinea Pig: Flowers Of Flesh And Blood, Guinea Pig: Mermaid In The Manhole, Guinea Pig: He Never Dies ,4444444444, Katasumi , Tokyo Scanner, Boy Meets Boy , Kyoko Vs. Yuki, Dead Girl Walking, Sinking Into The Moon, Suicidal Variations, House Of Bugs, Tokyo March, Emperor Tomato Ketchup, Birth/Mother, I Graduated, But..., Fighting Friends, Ketika, Lalu dan Akhirnya, South Of South, Incoherence, Imagine

L'altro Cinema: Drawing Restraint 9 , La Concejala Antropofaga, Subjektitüde

Inwork: Rec (60%), Kisses (50%), Serbis (90%)

#7 Yoshikawa

    Cameraman

  • Membro
  • 667 Messaggi:
  • Location:em I
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 22 March 2016 - 03:56 PM

grazie mille! :em41:

Blind Mountain Cannot Live without You

Immagine inserita

He remembers those vanished years, as though looking through a dusty window pane.
The past is something he could see, but not touch; And everything he sees is blurred and indistinct.


#8 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4193 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 27 March 2016 - 06:15 PM

Visualizza MessaggioYoshikawa, il 22 March 2016 - 03:56 PM, ha scritto:

grazie mille! :em41:

Figurati! ^^





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi