Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Holy Flame of the Martial World


4 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4389 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 11 June 2012 - 11:21 AM

Holy Flame of the Martial World

Immagine inserita


Titolo originale: Wu lin sheng huo jin

Nazione: Hong Kong

Anno: 1983

Durata: 85 minuti

Regia: Lu Chin-Ku (Tony Liu)

Cast: Max Mok, Leanne Lau, Yung Jing-jing, Jason Pai


Traduzione: Kasumi

Revisione: fabiojappo


Immagine inserita


Immagine inserita


Trama. Fratello e sorella vengono separati ancora in fasce dopo che i loro genitori sono stati uccisi nel tentativo di difendere il segreto della Fiamma Sacra, arma leggendaria del mondo delle arti marziali. Lui viene allevato da un maestro giusto e saggio mentre lei, a sua insaputa, da una degli assassini dei genitori. Diciotto anni dopo arriva il momento della resa dei conti.

Immagine inserita


Immagine inserita



Recensione di Stefani Locati (Hong Kong Express)

Tony Liu (Liu Jun-guk nella traslitterazione cantonese) non si ferma di fronte a nulla pur di intrattenere. A guardare la storia nuda e cruda, non parrebbe discostarsi troppo dall'usuale mix di incomprensioni, vendette incrociate e lealtà messa in dubbio. Fratello e sorella vengono separati fin da piccoli. I loro genitori, che cercavano di difendere il segreto della holy flame, l'arma più potente del mondo delle arti marziali, sono stati brutalmente uccisi. Diciotto anni dopo, i due ormai cresciuti, è fissato un duello che ripari i torti subiti. Solo che il ragazzo, Tien Sau, è allevato da un maestro giusto e saggio, pur se eccentrico, mentre la ragazza, Dan Fung, è custodita a sua insaputa da una degli assassini dei genitori. Quando arriva il giorno dello scontro, i due si ritrovano dunque relegati in fazioni opposte.

Fosse tutto qui, "Holy Flame of the Martial World" si ridurrebbe alla solita variazione sull'eterno tema dei fratelli costretti dagli eventi a confrontarsi, con la forza dei legami familiari a fare da incognita per l'esito della lotta. Lo standardizzato contenitore è però riempito di tali e tante invenzioni da far strabuzzare gli occhi, fin quasi a far cadere la mascella per lo stupore. In effetti nulla può preparare alla debordante catena di geniali assurdità che si riversano sullo schermo con una esuberanza e una gioia fuori controllo. Lotte all'ultimo sangue contro ideogrammi giganteschi fosforescenti, risate mortali, cadaveri di demoni verdi (dall'improbabile accento inglese) prontamente resuscitati, dipinti giganteschi che si animano per dar battaglia, fantasmi volanti assetati di sangue, membri del clan del sangue con le braccia dipinte nei colori più improbabili, ragazze che infilando un dito nel torace morto di serpenti ottengono poteri incredibili.

Un guazzabuglio stordente, ma dotato di una sua coerenza interna, acuito dai toni generali da commedia, come rivela già l'incipit, in cui le otto principali scuole di arti marziali inseguono il miraggio della holy flame quasi siano un branco di lupi assetati di potere. Il tutto è inframmezzato da abbondanti dosi di duelli acrobatici (troppo) velocizzati e zeppi di wire work. Il limite è purtroppo insito nella formula: tutte le trovate più divertenti si esauriscono nella prima, frenetica mezz'ora. La seconda parte mantiene alto il ritmo, ma si adegua a tirare le fila della vicenda senza ulteriori sbavature. Gli effetti speciali sono risibili anche per l'epoca, ma svolgono egregiamente il loro compito primario: divertire. Per questo, pur nelle sue imperfezioni, e nonostante le numerose zone d'ombra della storia, la recitazione sopra le righe, i costumi stravaganti, "Holy Flame of the Martial World" è film da riscoprire, godere, gustare - pervaso com'è da un sense of wonder ingenuo, forsennato, intramontabile.


Immagine inserita


Immagine inserita



Commento di Kasumi

Condivido in toto quanto detto dall'ottimo Stefano Locati, ma mi sento di consigliare questo film esclusivamente ad un pubblico di appassionati del genere, gli altri potrebbero restare molto delusi.Ha sicuramente qualche punto di forza: a partire dalla simpatica musichetta iniziale troveremo il classico film ShawBros anni 70-80 con scenografie oniriche, costumi sfarzosi dai colori accesissimi, super maestri di Kung Fu magico un po' strampalati, ma che quando entrano in scena fanno la loro figura e risultano simpatici e ben caratterizzati. Tra i difetti: un montaggio dei combattimenti spesso troppo veloce, effetti speciali di serie C, alcune trovate veramente pacchiane che scadono nell'umorismo demenziale e a volte persino becero, una certa ridondanza nei fittissimi dialoghi che a dispetto della storia abbastanza semplice arrivano a sfiorare le 1400 battute. La partenza del film è sicuramente discreta, ma poi pian piano si va un po' arenando verso il prevedibile finale e raggiunge come valutazione personale una sufficienza molto striminzita.

A chi è interessato a questo curioso lavoro, auguro una buona visione.

Immagine inserita





SOTTOTIOLI

(versione BFRip)



Allega file  Holy.Flame.Of.The.Martial.World.AsianWorld.zip   32.68K   25 Numero di downloads





Ordina il DVD su
Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 14 June 2012 - 10:54 AM


#2 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4389 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 14 June 2012 - 09:34 AM

Lode a Kasumi che riporta su AsianWorld un film della SB !

Io non sono un esperto/appassionato del genere. Devo dire però che pur con i suoi limiti ho trovato il film godibile, ricco di esagerazioni e trovate divertenti. Da cult alcune delle tecniche usate dai personaggi come la Risata del Fantasma o l'Estrazione delle ossa !

Se avete bisogno di un'edicola scrivete a me :em69:

Messaggio modificato da fabiojappo il 14 June 2012 - 09:44 AM


#3 Kasumi

    PortaCaffé

  • Membro
  • 4 Messaggi:
  • Location:Roma
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 14 June 2012 - 07:21 PM

Un sentito ringraziamento a Fabiojappo per la revisione dei sottotitoli e per la pubblicazione della bella recensione del film (non sono molto bravo con l'impaginazione grafica :em15: ).
Se non si fosse preso la briga di seguirmi un pò e incoraggiarmi probabilmente questo lavoro per varie vicissitudini, tra cui un trasloco ed un hard disk distrutto non sarebbe mai stato pubblicato.
Come detto il film non è sicuramente un capolavoro o una pietra miliare comunque ha qualche sua peculiarità e visto che il lavoro era stato fatto è giusto che sia stato pubblicato per chi potrebbe incuriosirsi.
Un saluto ed un ringraziamento a tutta la community, anche se non partecipo molto da tanti anni ogni tanto torno e riscopro qualche perla... w il cinema asiatico :mukka: :seal: :em999: :em77:

#4 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1679 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 16 June 2012 - 01:05 AM

Bravo Kasumi! ;)

Immagine inserita


Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2010: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002), Mio in the Land of Faraway (1987); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), Secret Chronicle: She Beast Market (1974), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013), Empress Wu Tse-Tien (1963), Be with You (2018), Rage (2016), Himeanole (2016), Her Love Boils Bathwater (2016), Cutie Honey: Tears (2016), Good Morning Show (2016); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema -.

#5 ggrfortitudo

    Operatore luci

  • Membro
  • 473 Messaggi:
  • Location:Ozieri (SS)
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 September 2018 - 04:17 PM

Io sono un appassionato del genere; specie delle pellicole SB.
Sfortunatamente, questo film mi è sembrato quasi una puntata lunga dei Power Rangers.
Certo di qualità migliore rispetto alla serie, ma la falsariga sembra proprio quella.
Peccato, perché l'idea di partenza era buona ma i combattimenti e gli effetti speciali non sono all'altezza e spesso sono inutli (vedi gli ideogrammi volanti e la mummia che parla inglese)

:em09: :em09: :em09:





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi