Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] The Orphan of Anyang


6 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4284 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 July 2014 - 08:04 AM

The Orphan of Anyang

Anyangde guer


Immagine inserita


Paese: Cina

Anno: 2001

Durata: 82 min.

Genere: Drammatico


Regia: Wang Chao


Cast: Sun Guilin, Zhu Jie, Yue Senyi


Immagine inserita



Recensione di Sobek (da Cinema e Missili)

Il paesaggio che fa da prologo al racconto è di quelli che restano impressi: provincia cinese, polverosa , livida e fredda, macerie di fabbriche in abbandono, strade percorse da auto e biciclette, carretti e taxi, una fotografia di quella Cina che viaggia ad un altro passo rispetto a quella delle metropoli che mostra tutta la sua opulenza e la sua tecnologia: un quadro che sembra richiamare alla mente quelli del primo Jia Zhangke o quelli magistralmente descritti da Wang Bing in West of the Tracks; una civiltà metropolitana che vive però marginalmente lo sviluppo, dove le fabbriche che chiudono non vengono rimpiazzate da nulla.
Dagang è un operaio che ha appena perso il lavoro, attraversa questi quadri di disfacimento post industriale con indolenza , quasi meccanicamente; al calare della sera trova difficoltà persino a mettere insieme due soldi per consumare una ciotola di noodles nei ristoranti da strada; in uno di questi trova un fagotto che contiene un marmocchio in fasce che reca con se un biglietto di accompagno in cui si chiede di prenere cura del bambino dietro compenso di una piccola cifra.
Dagang decide di tenere il bambino e scopre che è figlio di una prostituta dell'estremo nord della Cina con la quale si incontrerà saltuariamente per ricevere il pattuito.
Per l'uomo la presenza del lattante è una sorta di iniezione vitale , quasi un fascio di luce che si insinua nel buio da seguire per uscire dalle tenebre; la sua generosità arriva al punto di proporre alla madre di smettere con il suo lavoro e di andare a vivere da lui.
Quando sembra che questa strana famiglia rattoppata e messa in piedi quasi per caso inizi a funzionare, compare dal nulla il padre naturale del ragazzino, un boss da quattro soldi che , malato di leucemia e colpito dall'anatema della madre che lo rimprovera di non avere pensato a crearsi una famiglia e di non avere seguito gli atavici dettami confuciani di provvedere al tramandarsi della specie, viene a reclamare il bambino.
Il finale, durissimo e illusorio, ci restituisce una serie di sconfitte inevitabili, un quadro composto solo da disperati che non sono in grado di invertire in alcun modo il corso delle storie personali.
L'opera prima di Wang Chao, che fu assistente alla regia di Chen Kaige in Farewell My Concubine, è un film secco, intriso di neorealismo nello stile dei registi della Sesta Generazione, bello nella sua freddezza e nella sua purezza narrativa priva di filtri: rumori di strada, clacson , vociare in sottofondo, suoni della vita di tutti i giorni si amalgamano con un racconto spesso fatto di immagini fisse con una recitazione minimalista, priva di enfasi, quasi documentaristica.
E' questo lo stile che gran parte dei registi della Sesta Generazione ha scelto per raccontarci storie di emarginazione urbana, di disperazione cittadina, di perdenti che hanno perso persino il diritto al riscatto: nel lavoro di Wang Chao ci sono tutti i prototipi sociali, dall'operaio disoccupato al malavitoso, dalla prostituta al poliziotto di quartiere; è ammirevole l'amore e la sensibilità con la quale Wang Chao si prendono cura di descrivere quel lato nascosto e sempre più sotterraneo di un paese che accanto alle sue tradizioni e usanze, spesso a noi occidentali incomprensibili, sa offrire sprazzi di umanità nuda e cruda quasi commovente.

Immagine inserita




SOTTOTITOLI

(versione: 698)




Traduzione: g.stalker





Ordina il DVD su
Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 09 July 2014 - 08:14 AM


#2 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1595 Messaggi:
  • Location:Okinawa
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 July 2014 - 11:17 AM

Questo mi ispira assai, grazie a g.stalker! :em69:

Immagine inserita


Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2010: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002), Mio in the Land of Faraway (1987); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), Secret Chronicle: She Beast Market (1974), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013), Be with You (2018), Rage (2016); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema -.

#3 François Truffaut

    Wonghiano

  • Amministratore
  • 12948 Messaggi:
  • Location:Oriental Hotel
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 July 2014 - 02:53 PM

Visto poco tempo fa. Ne consiglio la visione, almeno a chi ama il cinema del più noto Jia Zhang-Ke.
Grazie per la proposta.

Cinema Taiwanese su AsianWorld.it



Immagine inserita

Naomi Kawase: il cinema, i film

Immagine inserita



Sottotitoli per AsianWorld: The Most Distant Course (di Lin Jing-jie, 2007) - The Time to Live and the Time to Die (di Hou Hsiao-hsien, 1985) - The Valiant Ones (di King Hu, 1975) - The Mourning Forest (di Naomi Kawase, 2007) - Loving You (di Johnnie To, 1995) - Tokyo Sonata (di Kiyoshi Kurosawa, 2008) - Nanayo (di Naomi Kawase, 2008)

#4 Aster

    PortaCaffé

  • Membro
  • 12 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 11 July 2014 - 09:10 PM

Sembra un'ottima proposta. Grazie :happy:
Immagine inserita
E tu chi sei?....Sono il suo vicino di casa

#5 Yoshikawa

    Cameraman

  • Membro
  • 667 Messaggi:
  • Location:em I
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 July 2014 - 12:43 PM

Molto interessante, grazie!!

Blind Mountain Cannot Live without You

Immagine inserita

He remembers those vanished years, as though looking through a dusty window pane.
The past is something he could see, but not touch; And everything he sees is blurred and indistinct.


#6 andreapulp

    Microfonista

  • Membro
  • 156 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 25 July 2014 - 09:27 PM

Grazie molto interessante :)

#7 pierlues

    PortaCaffé

  • Membro
  • 38 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 23 August 2014 - 12:27 PM

Salve! Nel rinnovare i complimenti per le stupende proposte volevo gentilmente segnalare che le mie due edicole a cui mi rivolgo normalmente, non sono provviste del film :em37: . Grazie per eventuali segnalazioni





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi